TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Almeno 100 morti dopo le rivolte carcerarie in Ecuador

Una lotta di potere tra bande carcerarie rivali, legate ai cartelli internazionali della droga, è scoppiata martedì nella prigione di Guayaquil, in Ecuador.

Secondo l’Associated Press, finora sono morti almeno 100 prigionieri, cinque dei quali sono stati decapitati. Altri cinquantadue sono rimasti feriti nei disordini, in cui sono state utilizzate pistole, coltelli e ordigni esplosivi.

Da allora il presidente Guillermo Laso ha dichiarato lo stato di emergenza nel sistema carcerario del Paese. Secondo l’Associated Press, i disordini devono essere durati più di cinque ore, prima che le forze di sicurezza riprendessero finalmente il controllo della prigione.

“Quindi voglio avere paura”

Il colonnello Mario Pazmenio, ex direttore dei servizi segreti militari del Paese, è preoccupato per le bande di droga che entrano nelle carceri del Paese.

La criminalità organizzata transnazionale è penetrata nella struttura carceraria. Vogliono molta paura, ha detto all’Associated Press poco dopo aver confermato le decapitazioni.

La sanguinosa lite di martedì non è la prima nelle carceri ecuadoriane, nemmeno quest’anno. A febbraio, 79 persone sono morte quando i prigionieri in tre diverse carceri si sono ribellati contemporaneamente. Altre 22 persone sono morte a luglio in circostanze simili

L’ex ministro della Giustizia Lady Zuniga si rammarica, secondo il quotidiano, che al momento non siano state prese ulteriori misure per prevenire le rivolte carcerarie. Ha poi aggiunto che l’evento di martedì è stato il peggiore di sempre nella storia del paese, e nient’altro “si avvicina ad esso”.

Vuoi saperne di più su come il GP lavora con il buon giornalismo? Leggi il nostro Codice Etico Qui.

READ  Domande principali generali sulla comprensione di Trump delle notizie SVT