TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alcune guerre sono dietro le crescenti crisi dei rifugiati

All’inizio dell’anno, il numero di rifugiati ha raggiunto 89,3 milioni, secondo il nuovo rapporto annuale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Il numero è il doppio di quello che era alla fine del 2012. Solo nell’ultimo anno, il numero è aumentato di 7 milioni, ovvero dell’8%.

Più dell’1 per cento dell’umanità è ora in fuga. L’aumento continua anche quest’anno. Sebbene non ci siano ancora dati certi per la guerra in Ucraina, l’UNHCR la descrive come “una delle più grandi crisi con reinsediamento forzato dalla seconda guerra mondiale e di gran lunga la più veloce”.

Ma nel caso dell’Ucraina, l’impegno globale è significativo e i disertori finiscono in gran parte in paesi relativamente ricchi. Molte altre aree di conflitto sono molto peggio.

Più di 100 milioni

Tra quelli che sono peggiorati nel 2021 c’è l’Afghanistan, dove l’acquisizione del potere da parte dei talebani ha contribuito all’aumento del numero di sfollati interni per il 15° anno consecutivo. La guerra del Tigra in Etiopia ha costretto 2,5 milioni di persone a lasciare le proprie case. E in altre parti del Nord Africa, il cambiamento climatico sta contribuendo a conflitti per terra, acqua e cibo.

Con la guerra dell’Ucraina, secondo l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, la tragica fase di 100 milioni di rifugiati in tutto il mondo è stata recentemente aggirata.

Oltre agli stessi paesi dilaniati dalla guerra, i paesi vicini piccoli o poveri sono spesso i più colpiti. Relativamente parlando, le isole caraibiche di Aruba e Curaçao sono state le più colpite lo scorso anno da una crisi dei rifugiati che è finita nell’ombra: i venezuelani stanno lasciando il loro Paese in crisi economicamente disperata. Secondo un rapporto dell’UNHCR, una persona su sei ad Aruba e una su dieci a Curaçao è ora un rifugiato venezuelano.

READ  Biden: Flyttar soldater till Östeuropa inom kort

La pace può essere tagliata a metà

La guerra siriana colpisce i suoi vicini in modo simile. Su ogni ottava persona in Libano, ogni 14 persone in Giordania e ogni 23 persone in Turchia è un rifugiato siriano.

La discrepanza è ampia rispetto agli anni ’90 e 2000, quando il numero globale di rifugiati era abbastanza stabile a circa 40 milioni di persone. Dopo di che, solo circa 10 milioni sono stati costretti a lasciare il loro Paese, classificati come rifugiati dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

In quella foto, l’organizzazione vede una certa speranza. Dopotutto, le crisi che portano a grandi flussi di profughi sono poche e molti profughi sembrano disposti a tornare se ne viene data l’opportunità. “Se una pace stabile può essere raggiunta in questi luoghi cruciali, la popolazione mondiale di rifugiati potrebbe dimezzarsi a circa 10 milioni, dove era due decenni fa”, afferma il rapporto.