TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Acufene persistente legato a cambiamenti nel cervello

Ad oggi, non ci sono metodi affidabili per diagnosticare l’acufene. La gravità dell’acufene oggi è determinata dall’autostima del paziente. I ricercatori del Karolinska Institutet ora mostrano che il metodo dell’audiometria del tronco cerebrale (ABR) ha il potenziale per diventare uno strumento diagnostico oggettivo per identificare le persone con acufene persistente.

L’audiometria del tronco cerebrale misura l’attività cerebrale in risposta a una serie specifica di stimoli sonori.

Riteniamo che il nostro metodo ABR possa avere una sensibilità sufficiente per essere utilizzato come strumento diagnostico. Il metodo misura il cambiamento neurale nel tronco cerebrale nelle persone con acufene persistente, che potrebbe diventare un biomarcatore in futuro, afferma Christopher R. Siddruth, ricercatore presso il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia del Karolinska Institutet.

Oggi l’acufene non è classificato come una malattia in sé, ma come un sintomo che può avere molte cause diverse, come problemi di udito, rumore, malattia o stress. L’acufene è spesso descritto come suoni fantasma che nessun altro oltre alla vittima sente. Oggi, circa il 20% degli svedesi soffre di qualche forma di acufene e il rischio di svilupparlo aumenta con l’età.

Conoscere i pazienti con acufene

L’audiometria del tronco cerebrale è stata precedentemente proposta come strumento per misurare l’acufene, ma è mancato il consenso scientifico. Tuttavia, nessuno studio precedente ha incluso tanti soggetti come questo studio. Qui, i ricercatori hanno effettuato misurazioni utilizzando l’audiometria del tronco cerebrale di 405 persone, di cui 228 avevano acufene e 177 persone senza acufene. In quelli con acufene persistente, è stata osservata una chiara differenza nelle misurazioni rispetto a quelli senza acufene oa quelli che hanno valutato il loro acufene come temporaneo.

READ  Di notte: una malattia rara scoperta nel Regno Unito

Abbiamo bisogno di un metodo diagnostico oggettivo per l’acufene, per essere in grado di riconoscere i pazienti affetti e promuovere lo sviluppo di nuovi metodi di trattamento. Il nostro studio suggerisce una relazione causale tra i cambiamenti nell’attività neurale del cervello e lo sviluppo di acufene persistente, ma abbiamo bisogno di fare più studi per verificarlo. Dobbiamo anche sapere se il nostro metodo può misurare i benefici del trattamento, afferma Christopher R. Siddruth.

L’acufene temporaneo aumenta il rischio di acufene persistente

Lo studio ha anche seguito poco più di 20.000 persone senza o con gradi diversi di acufene con l’obiettivo di monitorare come i sintomi si sono sviluppati nel tempo. Qui, i ricercatori mostrano che le persone con acufene temporaneo hanno un rischio maggiore di sviluppare successivamente un acufene persistente, soprattutto se i sintomi si ripresentano frequentemente. Inoltre, lo studio ha rilevato che in coloro che avevano già un acufene persistente, la probabilità che i problemi continuassero era alta.

È importante sapere che se hai avuto un acufene ricorrente, il rischio è troppo alto di avere un acufene persistente. Dobbiamo diffondere questa conoscenza in modo che le persone che hanno avuto un acufene temporaneo siano consapevoli dei rischi e abbiano l’opportunità di agire in modo preventivo, afferma Christopher R. Siddruth.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con Karolinska University Hospital, Stockholm University, University of Bergen e DBA Therapeutics, Inc.

Materiale scientifico:

I cambiamenti nella risposta uditiva del tronco cerebrale caratterizzano l’acufene episodico e persistente Niklas K. Edval, Gulbarg Mehrai, Martin Claeson, Andra Lazar, Jan Paula, Constans Lenoebber, Inger Olin, Barbara Kanlon e Christopher R. Siddruth. Giornale di ricerca clinica.

READ  È iniziato il vomito invernale - la stagione può essere insolitamente grave

Chiamata:

Christopher R. Sedruth, Professore Associato, Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia, Karolinska Institutet, [email protected]