TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Accordo di sicurezza britannico, americano e australiano

I tre leader si fermarono nei loro paesi e introdussero la cooperazione chiamata Aukus, che rafforzerebbe le già strette relazioni tra le nazioni.

Abbiamo sempre visto il mondo con gli stessi occhi. Il primo ministro australiano Scott Morrison afferma che secondo Sydney Morning Herald.

A Londra, il collega Boris Johnson sta lavorando a:

L’alleanza ci avvicinerà più che mai e creerà posti di lavoro e prosperità.

Aukus – “Sembra strano, ma funziona”, dice Biden del nome – secondo il presidente, riguarda la modernizzazione della cooperazione per affrontare meglio le minacce di oggi.

E la minaccia di oggi è la Cina? I tre leader non hanno menzionato la Cina una volta, ma lo spirito era lì.

Il nostro mondo sta diventando sempre più complesso, specialmente nel nostro, e riguarda tutti noi, dice Morrison.

Comprendiamo tutti l’importanza di garantire la pace e la stabilità nella regione per un lungo periodo di tempo, afferma Biden.

Cina: Menti da Guerra Fredda

La “zona” di cui parlano è la cosiddetta in linguaggio geopolitico l’Indo-Pacifico, cioè l’intero Oceano Indiano e l’Oceano Pacifico, dalla costa orientale dell’Africa agli Stati Uniti occidentali. Lì, il Mar Cinese Meridionale si trova nel mezzo, con la Cina che aggiorna la sua flotta e stringe i muscoli verso Taiwan, tra gli altri luoghi.

– Dobbiamo essere in grado di affrontare l’attuale situazione strategica nella regione e come potrebbe svilupparsi. Biden afferma che il futuro di ciascuno dei nostri paesi, e in effetti del mondo intero, è determinato dal fatto che una regione libera e aperta prospererà nei prossimi decenni.

In un primo commento dalla Cina, l’ambasciata del paese a Washington, secondo Reuters, ha affermato che i tre paesi “devono liberarsi delle loro mentalità e pregiudizi ideologici della Guerra Fredda”.

READ  Fauci: La vaccinazione irregolare crea due diversi stati degli Stati Uniti

Niente armi nucleari

Ma i forti legami hanno suscitato passioni in Francia.

Gran parte dello spettacolo riguardava l’Australia che costruiva una flotta di sottomarini a propulsione nucleare con l’aiuto britannico e americano. Ciò annulla i piani di vasta portata per la cooperazione francese sui nuovi sottomarini, del valore di poco più di 300 miliardi di corone svedesi.

“Questi sottomarini saranno prodotti ad Adelaide (Australia) in stretta collaborazione con gli Stati Uniti e il Regno Unito”, ha affermato il primo ministro australiano Scott Morrison.

Biden afferma che i sottomarini devono avere “le ultime capacità disponibili e che dobbiamo difenderci dalle minacce in rapida evoluzione”. Ma secondo i tre comandanti, i sottomarini non sono dotati di armi nucleari ma di armi convenzionali.

“Ma lasciatemi essere molto chiaro: l’Australia non tenterà di affermarsi come potenza nucleare o di sviluppare energia nucleare, e continueremo a rispettare tutti i nostri impegni non nucleari”, ha detto Morrison.

Oltre ai sottomarini, i paesi collaboreranno allo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale che possono essere utilizzate militarmente. Per tre anni e mezzo, i tre paesi svilupperanno e pianificheranno congiuntamente la “modernizzazione” della flotta sottomarina, un lavoro descritto dal primo ministro britannico Boris Johnson come:

– Uno dei progetti più complessi e tecnicamente impegnativi al mondo, che durerà per decenni.

“colpo di pugnale”

La Francia commenta l’accordo sui sottomarini violando lo “spirito di cooperazione” prevalente tra Francia e Australia che, secondo i piani, avrebbe portato a dodici sottomarini che sarebbero stati fabbricati in Francia, che Morrison ha “pienamente” sostenuto a giugno.

– È una pugnalata alla schiena. Abbiamo stabilito un rapporto di fiducia con l’Australia e questa fiducia è stata tradita, ha dichiarato il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian alla radio France Info a causa del fatto che la cooperazione pianificata con il sottomarino non finirà ora.

READ  Più di 700.000 domande poste dalla guardia di sicurezza telefonica di Putin

– Oggi sono molto arrabbiato, amareggiato… Questo non è qualcosa che gli alleati si fanno l’uno con l’altro.

Dice che la decisione improvvisa ci ricorda qualcosa che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe potuto fare.

Né la Nuova Zelanda è felice. Il primo ministro Jacinda Ardern ha dichiarato in una dichiarazione che “la posizione della Nuova Zelanda sul divieto di sottomarini a propulsione nucleare nelle nostre acque non è cambiata” e quindi non sarà autorizzato a utilizzare il territorio neozelandese.