TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

A proposito del sogno dopo essere andato all’estero Helener: “Molto difficile

Al giorno d’oggi, Philip Helener è una Coca Cola ai Rangers e un giocatore chiave nella squadra nazionale di Jane Anderson per il campionato europeo. Nel 2015, Helener Malmo ha primeggiato nella FF e ha vinto l’oro ai Campionati Europei U21 con la Svezia. Dopo quella stagione andò in Italia e in Serie A, ma per una volta non fu così facile.

È stato così difficile. Sono andato lì e nessuno del personale esecutivo parlava inglese, si parlava solo italiano. C’erano alcuni giocatori che parlavano inglese e potevano aiutare qualcuno. Ma sarà una squadra che ha giocato male fin dall’inizio, e poi ci sarà il morale basso della squadra. La prossima stagione consiste nel provare a giocare il più possibile per dimostrare che sarai da qualche altra parte. È stato molto triste perché era una città incredibilmente buona e il club era davvero un buon club, è stato incredibilmente brutto per noi quella stagione, dice nel podcast Lund.

Qual è il motivo?
– Abbiamo avuto degli infortuni. Luca Tony ha vinto il campionato di tiro diversi anni fa e si è infortunato. Siamo partiti male e poi non siamo mai riusciti a recuperare. Sono così nuovo, è difficile dire cosa c’è che non va perché non capisco una parola di ciò che viene detto. Non so ancora di cosa si parlasse durante questi incontri.

Dev’essere stato un po’ preoccupante con il primo club professionistico straniero, le cose sono andate male per il club e non hanno capito. Dovrebbe essere stato così difficile sedersi alle riunioni e non capire cosa stanno dicendo?
– È stato così difficile. Anche in campo. A volte ricevi lettere a casa e comunque non capisci cosa sia. Io e la mia ragazza siamo andati in giro e non sapevamo nulla.

READ  Il CEO di Stolandis afferma che i costi sono alti nelle fabbriche automobilistiche italiane, ma non a causa del lavoro

Stavi per tornare a casa?

– No non lo è. Ma inizialmente sentivo di voler uscire da lì.

A cosa suoni quando suoni da solo?
– È così diverso. Sono sempre stato un giocatore di squadra. Non lo so davvero, è difficile da spiegare. Sembra che non ti importi della fine, ma finché non sei coinvolto in nessuna arte, va bene. Da attaccante hai segnato, ma abbiamo perso 1-3, quindi va bene.

Non ti va di uscire fuori dal calcio?
– No, non tanto. Questo è molto speciale.

Quando sono andati in serie B, dovevi prendere in prestito dal Bologna. Come è arrivato questo cambiamento in un altro club di Serie A?
– Ci sono andato con una specie di obbligazione da comprare. Fino a quando il Bologna è rimasto in Serie A, ero un giocatore del Bologna. Poi si sono seduti e hanno creduto che non sarebbe stato come Verona. Ma a Bologna andava bene, e poi ho iniziato a parlare italiano come si deve. Anche Emil Croft ha suonato lì, quindi siamo usciti molto. Era completamente diverso lì, dove mi sono davvero divertito.

Quanto è importante l’apprendimento delle lingue?
– Questo è molto importante in Italia. Nessun leader parla inglese. Se parlano un po’ di inglese, non vogliono parlarlo. Parlare la lingua è molto importante.

La prima stagione a Bologna non hai giocato molto. E se andasse un po’ meglio per la squadra?
– Mi sono fatto molto male. Non è molto divertente. Ma durante la seconda stagione, sono diventato un titolare da due turni. Ho giocato molto quella stagione. Ci sono stati momenti in cui mi sono infortunato e non mi è stato permesso di giocare, ma in più ho giocato tutte le partite. Certo, influisce su come ti senti in un posto perché alla fine giocherai a calcio.

READ  I ladri di sabbia ricevono multe salate in Sardegna

Ascolta l’intero episodio nel player sopra.