TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

2.000 bare in fila per la cremazione a Roma

I riti funebri di Roma sono stati protestati contro i lunghi tempi di elaborazione delle autorità per la cremazione.

Foto: Antonio Callani / AB / DT

I riti funebri di Roma sono stati protestati contro i lunghi tempi di elaborazione delle autorità per la cremazione.

Pubblicato:

I riti funebri di Roma sono stati protestati contro i lunghi tempi di elaborazione delle autorità per la cremazione.

Foto: Antonio Callani / AB / DT

I riti funebri di Roma sono stati protestati contro i lunghi tempi di elaborazione delle autorità per la cremazione.

notizia

Gli appaltatori finali a Roma avvertono del sovraffollamento degli obitori. Più di 2.000 corpi sono stati conservati per la cremazione in un unico crematorio della città.

Secondo le agenzie di pompe funebri, le autorità romane non sono riuscite a far fronte all’aumento del numero di vittime delle epidemie di corona. Il crematorio cittadino può movimentare circa 50 salme al giorno e anche gli obitori sono gremiti, in attesa di funerali che non si svolgono. Alcuni hanno dovuto aspettare dall’inizio di quest’anno, ha riferito Reuters.

– Le tombe sono piene e ogni giorno si sente dire che non c’è posto per i morti, dice Giovanni Cassioli, presidente dell’Unione italiana delle pompe funebri.

Il sindacato ha ora fatto appello al sindaco per accelerare la documentazione necessaria per riconoscere le cremazioni, che sono state uno dei principali ostacoli durante l’epidemia. I membri della Società indossavano ghirlande intorno al tempio romano in memoria di Ercole Vincitore e compivano un piccolo atto con un cartello che diceva: “Siamo spiacenti, ma non ti permetteranno di seppellire i tuoi cari”.

Secondo Giovanni Cassioli, la cremazione è concessa secondo un processo complesso che richiede dai 35 ai 40 giorni. Altre città in Italia hanno accelerato questo processo durante le epidemie.

“Si tratta di una questione burocratica che causa grande angoscia alle famiglie in attesa di seppellire i morti”, ha detto all’Afp Marcio Tersini, che gestisce un’impresa di pompe funebri nella capitale italiana.

READ  A proposito del sogno dopo essere andato all'estero Helener: “Molto difficile

Secondo i politici dell’opposizione, il governo locale avrebbe potuto evitare la questione se avesse già ascoltato le richieste del 2017 per l’ammodernamento e lo sviluppo del crematorio.

Pubblicato: