TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pronti a imporre nuove sanzioni alla Bielorussia

Lunedì mattina, i ministri degli esteri dell’UE hanno convenuto che l’attuale crisi dei migranti potrebbe anche portare a sanzioni sotto forma di divieti d’ingresso e congelamento dei beni nell’UE.

“La decisione odierna riflette la determinazione dell’Unione europea a resistere alla trasformazione dei migranti in strumenti politici. Stiamo rispondendo a questo atto disumano e illegale. Allo stesso tempo, continuiamo a sottolineare le inaccettabili rappresaglie del regime contro il suo stesso popolo”. Lo ha detto in una nota il ministro degli Esteri dell’Unione europea Josep Borrell.

Altro da elencare

La decisione significa che ora si può iniziare a lavorare per produrre più nomi per gli elenchi delle sanzioni dell’UE per la Bielorussia, ad esempio su compagnie aeree, compagnie turistiche o persone che hanno aiutato a portare i migranti ai confini con i paesi dell’UE.

Vedremo come agiremo a livello internazionale. Il ministro degli Esteri svedese Anne Linde ha dichiarato a Bruxelles che la commissione esaminerà vari modi per rendere più difficile per tutte le compagnie aeree trarre vantaggio da questa situazione.

Vede l’impatto che i colloqui sulle sanzioni hanno già avuto sul traffico verso la Bielorussia come prova che le sanzioni stanno davvero funzionando.

– Posso solo dire che la minaccia di sanzioni in realtà significa, ad esempio, che la compagnia aerea bielorussa Belavia e molte altre compagnie aeree non trasportano più cittadini dei paesi da cui sono arrivati ​​(immigrati) in primo luogo, afferma Lindy.

Divieto di volo?

Tuttavia, il collega lituano Gabrielius Landsbergis vuole spingersi oltre nel traffico aereo.

“Dobbiamo garantire che l’aeroporto di Minsk diventi una zona interdetta al volo e almeno temporaneamente garantire che nessun aereo possa accogliere migranti che desiderano attraversare illegalmente il confine a Minsk o in qualsiasi altro aeroporto della Bielorussia”, ha affermato Landsbergis. La strada per l’incontro.a Bruxelles.

READ  Anno esatto per i vichinghi in Nord America

Oltre alla Bielorussia, lunedì i ministri degli esteri sono impegnati anche in altre aree di crisi. Verrà discussa la situazione in Etiopia, compresa la volontà di iniziare a prepararsi per le sanzioni, così come la situazione in Mali, Sudan e nei paesi dei Balcani occidentali.

Nel pomeriggio, anche i ministri degli esteri delle ex repubbliche sovietiche entreranno a far parte dei Partenariati Orientali dell’Unione Europea: Ucraina, Moldova, Georgia, Armenia e Azerbaigian. Ufficialmente, la Bielorussia rimane parte del partenariato: nonostante le critiche dell’UE alle elezioni presidenziali dello scorso anno, ha scelto di non partecipare attivamente.

Preoccupazioni per l’Ucraina

Durante la colazione, Lindy e molti dei suoi colleghi incontrano l’ucraino Dmytro Kuleba, che è davvero preoccupato per una nuova struttura delle forze russe lungo il confine.

Il ministro degli Esteri ucraino è molto preoccupato che accada qualcosa e chiede all’Unione europea di prepararsi. L’importante è essere consapevoli di ciò che sta accadendo e se dovesse esserci qualsiasi altra forma di azione militare, l’UE ovviamente reagirà a questo, afferma Anne Linde.

In qualità di capo dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione (OSCE), la Svezia solleverà questo problema con la Russia.

– Giovedì andrò a Mosca e venerdì avrò lunghe trattative con il ministro degli Esteri russo, dice Lindy.

Fatti: sanzioni dell’UE contro la Bielorussia

La dura repressione da parte del regime bielorusso delle manifestazioni e delle proteste contro le elezioni presidenziali dello scorso anno ha portato l’Unione europea a imporre nuovamente sanzioni contro un gran numero di funzionari e funzionari bielorussi, a cui non verrà concesso il visto UE e i cui beni sono congelati nella Repubblica di Bielorussia. Congelato dall’UE.

READ  Donald Trump vuole tornare alla Casa Bianca dopo le elezioni americane del 2024

L’elenco delle sanzioni è stato esteso più volte, non ultimo dopo l’imposizione di Ryanair da parte della Bielorussia la scorsa primavera, quando due esponenti dell’opposizione sono stati costretti a scendere dall’aereo e arrestati.

Si prevede che altre 30 persone, aziende o organizzazioni saranno inserite nell’elenco delle sanzioni entro poche settimane.

Lunedì è stato anche dato il via libera per poter collegare le sanzioni alla continua pressione dei migranti ai confini con Lituania e Polonia, che l’Unione Europea considera un attacco misto da parte della Bielorussia.