TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I primi 20 responsabili dell'80% delle emissioni

I primi 20 responsabili dell’80% delle emissioni

Per la prima volta dalla pandemia, i leader delle maggiori economie del mondo si incontreranno fisicamente. Il fine settimana a Roma si concentrerà sui temi legati alla salute, alla ripresa economica – e al clima. Una volta terminato il vertice del G20, inizierà il vertice sul clima e i leader mondiali si recheranno a Glasgow, nel Regno Unito.

Il G20 rappresenta il 75% del commercio globale, il 60% della popolazione e oltre l’80% delle emissioni globali di gas serra. Il paese ospitante, l’Italia, che sta anche co-organizzando l’incontro sul clima COP26, spera che i leader del G20 concordino sul 2050 come una scadenza comune per raggiungere le emissioni nette di gas serra e discutere l’impegno a ridurre le emissioni di metano, riporta l’agenzia di stampa. AP.

cattivo tempismo

Tuttavia, l’attuale crisi energetica è emersa come una nuvola di turbolenze particolarmente inopportune in vista dei due incontri – che, tra le altre cose, hanno alimentato l’appetito per il carbone, anche in Cina, dove la produzione è ora in forte espansione prima dell’inverno. .

La crisi energetica globale ha offerto ai sostenitori dei combustibili fossili una nuova opportunità per mettere in dubbio il passaggio alle energie rinnovabili, ha affermato Gunilla Reischl, ricercatrice senior nel Programma di politica e sicurezza globale del Foreign Policy Institute, durante un simposio.

Le Nazioni Unite vogliono anche che il Gruppo Venti garantisca che i paesi ricchi del mondo promettono di fornire 100 miliardi di dollari all’anno in aiuti per il clima ai paesi meno sviluppati. Al momento, non sembra che accadrà fino al 2023.

Tuttavia, molti leader si astengono dal recarsi a Roma e Glasgow. Il fatto che il più alto rappresentante della più grande emettitrice e della seconda economia del mondo stia a casa ha portato alcuni a chiedersi cosa si possa effettivamente ottenere negli incontri. Xi Jinping non ha lasciato la Cina dall’inizio del 2020. Né appariranno il presidente russo Vladimir Putin e il messicano Andres Manuel Lopez Obrador. Il primo ministro giapponese Fumio Kishida mancherà al G20 ma potrebbe partecipare alla COP26.

READ  Blocca: rifiutiamo migliaia di annunci ogni giorno

la pressione

Antonio Guterres è a Roma per cercare di fare pressione sulle maggiori economie affinché elevino le proprie ambizioni.

-Se non ci sarà una riduzione significativa delle emissioni nel prossimo decennio, avremo perso per sempre l’opportunità di raggiungere 1,5 gradi, dice.

Tutti i paesi dovrebbero ridurre le emissioni, ma Guterres sottolinea anche il principio secondo cui i paesi dovrebbero fare ciò che possono in base alle proprie circostanze.

– Ciò significa che i paesi sviluppati devono assumere la guida, ma anche i livelli di emissioni delle economie emergenti devono fare del loro meglio.