TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fino alla gara in un’altra elezione bulgaro

Molti partiti hanno quasi il 25 per cento del sostegno degli elettori, secondo una serie di grandi seggi elettorali in cui c’è qualche variazione al vertice. Non è quindi chiaro se la Bulgaria possa superare lo stallo parlamentare che ha prevalso insieme all’escalation dell’epidemia di coronavirus.

A causa della pandemia, gli operatori elettorali si aggiravano in alcuni luoghi con barattoli e raccoglievano voti nelle case delle persone.

In diverse inchieste, ha guidato il partito conservatore a cui apparteneva l’ex primo ministro Bogko Borisov. In almeno un partito, continuiamo il cambiamento, che è stato formato poche settimane fa da due economisti formati ad Harvard.

La corruzione in primo piano

Anche se Gerb vince, le possibilità del partito di formare un governo sono considerate scarse. Il partito ha vinto le ultime elezioni generali ad aprile, ma non è stato poi in grado di ottenere la maggioranza in Parlamento. L’ostacolo principale nella ricerca di alleati è l’indagine del leader Borisov per corruzione.

Continuiamo a cambiare rapidamente e la linea anticorruzione ha ottenuto sostegno e si concentra sulla trasparenza e l’apertura. È giudicato in grado di svolgere un ruolo centrale nella formazione del governo in cui Gerb non è incluso, ma dove trova consenso con molti altri partiti che si definiscono critici nei confronti della corruzione.

Il partito populista ITN (il cui nome significa grosso modo “c’è un popolo simile”), guidato dal musicista e personaggio televisivo Slavy Trifonov, è stato di gran lunga il più numeroso nelle ultime elezioni di luglio. Dopo una serie di disaccordi, il partito ha scelto di stare completamente al di fuori di tutti i negoziati del governo e da allora il suo sostegno è caduto come una pietra.

READ  Mezzo milione di morti per Covid-19 in Brasile: gli esperti lanciano l'allarme

può continuare?

Oltre alle elezioni parlamentari, si terranno le elezioni presidenziali. L’attuale presidente, Romain Radev del Partito Socialista, ha inizialmente ricevuto il 49% dei voti al primo turno.

In tutto, circa 6,7 ​​milioni di persone avevano diritto al voto.

Una donna si sta dirigendo verso un seggio elettorale a Bankja, fuori dalla capitale bulgara Sofia. Foto: Giannis Papanikos/AP/TT

L'ex primo ministro bulgaro Boyko Borissov è indagato per corruzione, ma spera di fare marcia indietro.  Qui vota a Sofia.

L’ex primo ministro bulgaro Boyko Borissov è indagato per corruzione, ma spera di fare marcia indietro. Qui vota a Sofia. Foto: Giannis Papanikos/AP/TT

Fatti: Bulgaria

La Bulgaria è lo stato membro più povero dell’Unione Europea in termini di PIL pro capite. Il paese ha una popolazione di circa 7 milioni di abitanti, di cui 1,2 milioni nella capitale Sofia. In superficie, la Bulgaria ha all’incirca le dimensioni della provincia della Lapponia.

Dopo una prolungata obbedienza all’Impero ottomano, la Bulgaria ha riconquistato la sua indipendenza nel 1878. Dopo la caduta della cortina di ferro, la Bulgaria è diventata membro dell’alleanza di difesa della NATO nel 2004 e nell’Unione europea dal 1 gennaio 2007.

Il presidente è Rumen Radev (nato nel 1963) ufficialmente indipendente ma sostenuto dal Partito Socialista.