TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Feedback sul vertice sul clima COP26 a Glasgow

Lo storico accordo sul clima ha suscitato forti reazioni in tutto il mondo.

Greta Thunberg riassume l’incontro nelle sue frasi preferite:

“Bla, bla, bla”, ha scritto Thunberg su Twitter.

Vertice sul clima a Glasgowe COP26concluso dopo 15 giorni di trattative. Il termine è scaduto venerdì e sabato sono proseguite intense trattative.

Il vertice alla fine è culminato in un “patto per il clima” di dieci pagine che 197 paesi potrebbero finalmente accettare.

L’accordo contiene, tra le altre cose, regole per lo scambio di diritti di emissione e tempistiche comuni per la rendicontazione sull’azione per il clima. I giri su cosa dovrebbe essere esattamente nel documento sono stati molti. Una questione particolarmente controversa è la formulazione dell’energia dal carbone, che ora è inclusa per la prima volta nell’accordo globale sul clima.

All’ultimo minuto, l’India è riuscita a modificare la formulazione.

Ma invece di “eliminare gradualmente” l’energia dal carbone, ora si afferma nel documento che sarà “ridotta”.

“Capisco la profonda delusione, ma è importante proteggere questo pacchetto”, ha affermato il presidente della riunione Alok Sharma.

Alok Sharma.

È stato notevolmente preso a ispezionare lo storico accordo.

Greta: bla bla bla

Le reazioni del mondo esterno dopo che l’accordo è stato raggiunto sono sparse.

Il presidente di Greenpeace Jennifer Morgan definisce ancora una vittoria la questione dell’energia dal carbone, nonostante la capacità dell’India di annacquare la formulazione all’ultimo minuto.

“Hanno cambiato una parola, ma non possono cambiare il segnale che arriva da questo COP: che l’era del carbone è finita. Se sei il manager di una compagnia carboniera, questo COP ha avuto un esito negativo”, dice in un comunicato sabato sera.

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ritiene che l’accordo non sia sufficiente.

“È un passo importante ma non basta. È ora di entrare in modalità emergenza. La battaglia per il clima è la battaglia delle nostre vite e quella battaglia deve essere vinta”, ha scritto su Twitter.

L’obiettivo dell’accordo di Parigi è quello di mantenere il mondo a un aumento di 1,5 gradi

Johan Rockstrom, professore di scienze ambientali, ha detto a TT che la convention di Glasgow sta andando nella giusta direzione, ma non basta.

– Quando gli Stati Uniti sono andati a Glasgow, stavamo andando incontro a un disastro, un aumento della temperatura di 2,7 gradi. Dice che quando abbiamo lasciato la riunione, stiamo seguendo un percorso pericoloso.

Se i paesi seguono la convenzione, Rockstrom crede che il mondo si stia dirigendo verso 1,8 o 1,9 gradi Celsius.

– Lo considero un futuro pericoloso, ma non catastrofico, dice.

Greta Thunberg.

Né Greta Thunberg è stata colpita dall’esito del vertice sul clima.

“Ecco un breve riassunto: così e così”, ha scritto Thunberg su Twitter.

Il capo della Società svedese per la conservazione della natura si esprime piuttosto positivamente.

È gratificante che i due paesi siano stati in grado di accordarsi, ma nonostante importanti progressi, la Carta di Glasgow non è ancora abbastanza forte per rispondere alla crisi climatica, afferma Karin Lyksen, segretario generale della Società svedese per la conservazione della natura.

READ  Proseguono i soccorsi a Miami: la società civile stringe il cappio

Uno dei problemi principali durante la COP26 è stato il finanziamento dell’azione per il clima da parte del mondo occidentale nei paesi in via di sviluppo. A questo punto, Karen Lixen pensa che l’accordo non sia giunto alla fine.

È positivo che ci siano informazioni sull’adempimento delle precedenti promesse sui finanziamenti per il clima, ma ci sarebbe piaciuto vedere anche promesse di ulteriore espansione.

Inserito: