TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Così è il tuo nuovo sistema Windows 11

Nuovi Windws sono arrivati ​​in città. Probabilmente arriverà presto sul tuo computer. Windows 11 è disponibile come aggiornamento gratuito per 1,3 miliardi di PC con installato Windows 10. Quando Windows 11 arriva sul tuo PC, dipende dall’età del PC. Secondo Microsoft, l’aggiornamento viene offerto prima sui PC più recenti e poi gradualmente in base all’età.

Ma cosa otterrai davvero quando quel giorno arriverà – e va bene accettare l’offerta?

L’aggiornamento arriva per i computer in base all’età. (schermata: Windows)

Se il tuo computer ha una data ragionevolmente nuova, la risposta è sì. In termini pratici, ciò significa che il computer deve essere del 2017 o successivo, poiché è necessario un processore di ottava generazione per sfruttare le funzionalità di sicurezza di Windows 11. Il computer deve anche avere un BIOS UEFI, ma questo è stato standard su tutti i nuovi computer per un po’ tenere ca.

Abbiamo provato l’aggiornamento su diversi computer e questo aggiornamento è stato generalmente l’aggiornamento di Windows più indolore che questo scrittore abbia incontrato in oltre 30 anni con Windows! A differenza di tutti gli aggiornamenti delle versioni precedenti, puoi persino continuare a lavorare sul tuo PC durante il primo download e poi l’installazione del nuovo Windows. Dovrebbero esserci circa 25 GB di spazio libero su disco e il processo richiede circa un’ora, a seconda della velocità di Internet.

Puoi continuare a lavorare sul tuo PC durante l’installazione di Windows 11. (Screenshot: Windows 11)

Quando riavvii il computer dopo l’installazione, ricevi un’interfaccia utente… quasi la stessa di prima. La differenza più evidente è che le icone sulla barra delle applicazioni ora sono centrate, ma puoi facilmente tornare alla posizione di sinistra se lo desideri.

La barra delle applicazioni di Windows è centrata. Ma fortunatamente può essere corretto. (schermata: Windows 11)

Alcune nuove icone hanno annunciato il loro arrivo: Microsoft Teams, che tutti abbiamo imparato ad amare o odiare durante l’arresto di Corona, è diventato una parte normale di Windows. D’altra parte, Skype non c’è più, ma può ancora essere scaricato se lo desideri.

READ  No Man's Sky: Lancio di Frontiers - Costruisci i tuoi insediamenti
Il software per riunioni di Teams fa ora parte di Windows. (schermata: Windows 11)

Se sei il tipo che riempie rapidamente il tuo desktop di icone e file, ora puoi creare più scrivanie e passare da una all’altra.

Infine, le tessere sono scomparse dal menu Start, quindi ora non devi avere due basi parallele nello stesso menu. Per aprire un programma, cercalo nell’elenco delle icone disposte in ordine alfabetico. Tuttavia, i programmi più utilizzati sono elencati in alto.

Il nuovo menu di avvio. (schermata: Windows 11)

Il numero di impostazioni personali a cui è possibile accedere facendo clic con il pulsante destro del mouse sul desktop è leggermente aumentato. Ora puoi accedere direttamente alla maggior parte delle impostazioni di cui hai bisogno.

La gamma di impostazioni a cui è possibile accedere facendo clic con il pulsante destro del mouse è stata migliorata. (schermata: Windows 11)

L’esperienza dell’utente è diventata meno intensa di prima. Tutte le finestre e le finestre di dialogo hanno angoli arrotondati e tutto ciò che fai nell’interfaccia utente (come l’apertura di menu e l’apertura e la chiusura di finestre e finestre di dialogo) viene eseguita con animazioni velocissime. È piacevole e comodo, ma può anche essere disattivato, il che va bene se si dispone di un PC che soddisfa solo i requisiti di RAM e potenza di elaborazione (rispettivamente 4 GB di RAM e 1 GHz dual-core).

Tuttavia, Windows 11 non dovrebbe essere più pesante di Windows 10. L’installazione completa richiede in realtà pochi gigabyte di spazio su disco rigido in meno rispetto al suo predecessore e l’interfaccia utente è vista personalmente molto più fluida. Nel complesso, non troviamo alcun motivo per non osare fare questo passo.

Se preferisci aspettare un po’ e attendere che eventuali malattie infantili vengano corrette, il supporto continuerà su Windows 10 fino al 14 ottobre 2025.