TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un pescatore italiano è stato salvato da una squadra di cacciatori di fucili

In lontananza si udirono degli spari ad Arjeplogsfjällen.

La squadra di pescatori norvegesi si è presto resa conto che era pericoloso.

Un cacciatore è stato ucciso – ed erano lontani dalla civiltà.

– C’era molto sangue, dice Thomas Lund, 30 anni.

La persona che è stata colpita, un uomo italiano di 55 anni, giaceva a terra vicino a Vogatjalme ad Arjeplogsfjällen. Aveva il raffreddore alle natiche e sanguinava copiosamente.

– Soffriva molto e gridava di dolore, dice Thomas Lundy del norvegese Sörreisa.

Thomas era con quattro amici sulle montagne svedesi circa tre settimane fa a caccia di galli cedroni, un interesse che aveva dall’età di 18 anni. Ma era la prima volta che cacciava ad Arjeplogsfjällen.

– Ci siamo divertiti molto. Abbiamo mangiato e bevuto bene, il tempo era bello e abbiamo avuto fortuna a cacciare, dice.

uomo colpito

Il 21 settembre, l’ultimo giorno del viaggio, Thomas è rimasto al campo per preparare il pranzo per gli altri prima che fosse ora di tornare a casa. Poi ha sentito degli spari.

Poco dopo, un uomo italiano è venuto al campo e ha detto loro che il suo compagno di caccia era stato colpito nelle vicinanze.

– La prima cosa che ho pensato è stata quella di chiamare il servizio di soccorso e sono dovuto salire sulla montagna per mettermi al riparo.

È stato molto difficile chiamare i servizi di emergenza. Mentre Thomas si muoveva per trovare una migliore copertura cellulare, ha avvisato i suoi compagni usando il suo walkie-talkie della presenza di un uomo armato vicino al campo che aveva bisogno di aiuto.

Addestrato nella cura delle ferite da arma da fuoco

Fortunatamente, nella squadra di cacciatori norvegesi c’era qualcuno che aveva le capacità per affrontare le ferite da arma da fuoco, poiché era stato addestrato a farlo nelle forze armate.

– Addestrato in pronto soccorso e addestrato a prendersi cura delle ferite da arma da fuoco. Aveva un kit di pronto soccorso e tutto ciò di cui aveva bisogno nello zaino.

Thomas parla di come il suo compagno ha affrontato una ferita da arma da fuoco.

– Quando è arrivato sul posto, l’uomo giaceva a terra con una ferita da arma da fuoco. È stato costretto a girarlo, ha visto la ferita e lo ha bendato.

Allo stesso tempo, Thomas faticava a comunicare con i servizi di emergenza. È stato difficile ottenere copertura e quando hanno chiamato, le chiamate sono state interrotte.

– Ho dovuto inviare un messaggio alla mia compagna sulle nostre coordinate e lei ha dovuto chiamare i servizi di emergenza.

Thomas ha dovuto lavorare sodo per arrivare a un punto in cui avrebbe potuto ricevere una migliore accoglienza. È stato molto frustrante cercare di ottenere aiuto.

– Ci sono state probabilmente trenta chiamate tra la mia coinquilina ei servizi di emergenza, perché è rimasta morta per tutto il tempo. Hanno parlato per mezzo minuto o un minuto e poi la conversazione è morta.

Thomas Lund, 30 anni, e i suoi compagni sono felici di essere stati in grado di aiutare l'uomo con la ferita da arma da fuoco.  Thomas osserva che sebbene l'evento in sé sia ​​stato traumatico, hanno lasciato Arjeplogsfjällen sentendosi bene.
Thomas Lund, 30 anni, e i suoi compagni sono felici di essere stati in grado di aiutare l’uomo con la ferita da arma da fuoco. Thomas osserva che sebbene l’evento in sé sia ​​stato traumatico, hanno lasciato Arjeplogsfjällen sentendosi bene.

può morire

Sulla montagna, stava meglio, e sia i servizi di soccorso norvegesi che svedesi hanno salutato Thomas dopo che il suo partner li ha contattati.

READ  Risultati sorprendenti in Italia - 29 milioni di vaccini per Astra Zeneca trovati in fabbrica | Straniero

Quindi i servizi di emergenza possono sistemare la situazione in modo da poter inviare aiuto. Ma l’aiuto è stato ritardato per ore. Ma l’uomo si è calmato dopo essere stato aiutato con ferite da arma da fuoco ed è stato in grado di sdraiarsi fino all’arrivo dell’elicottero dell’ambulanza.

Thomas è sollevato dal fatto che siano stati in grado di aiutare l’uomo.

– Abbiamo concluso la caccia con la sensazione di poter aiutare qualcuno a tornare a casa dalla sua famiglia.

Si ritiene che abbiano salvato la vita dell’uomo.

– Se non avesse ricevuto aiuto, sarebbe potuto morire.

Il 55enne è stato ricoverato all’ospedale di Sunderby. L’entità del danno è sconosciuta, ma l’uomo dovrebbe essere vivo, secondo Per Anders Heckela, capo dei reati gravi della contea.

Le circostanze dell’incidente non sono chiare, ma le prime indagini della polizia sono state archiviate.

– Per Anders Heckela dice che il motivo per cui l’indagine preliminare è stata abbandonata è perché la vittima non vuole che noi sporgeremo denuncia Giornale Pitea.