TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo esame del sangue rileva il cancro e se la malattia si è diffusa

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno sviluppato un esame del sangue semplice ed economico in grado di rilevare le fasi iniziali del cancro nei pazienti. La novità assoluta è che il test rileva anche eventuali metastasi, cioè se il cancro si è già diffuso in altre parti del corpo.

Secondo i ricercatori, questa è la prima volta in assoluto che un esame del sangue può rilevare il cancro e determinare la possibile diffusione della malattia.

I test rilevano il cancro in 19 casi su 20

nuovo esame del sangue testato In un gruppo di un totale di 300 partecipanti allo studio, alcuni erano altrimenti sani e altri avevano il cancro. Una cosa che i partecipanti avevano in comune era che avevano tutti vaghi sintomi di cancro come affaticamento o perdita di peso inspiegabile.

È stato riscontrato che il test rileva il cancro in 19 casi su 20 e una prevalenza del cancro con un’accuratezza del 94%.

Per ottenere questo effetto, i ricercatori hanno agito in modo diverso dal solito.

Tutti i medici dovrebbero essere in grado di utilizzare il test

Invece di rilevare il cancro in base agli effetti genetici di potenziali tumori nel corpo, come in altri esami del sangue, il nuovo esame del sangue utilizza un metodo chiamato spettroscopia di risonanza magnetica nucleare.

Questo metodo offre ai ricercatori una visione completamente nuova delle impronte chimiche dei globuli del sangue analizzando la struttura delle molecole, e qui trovano la risposta al tipo di cancro e al suo stadio di diffusione.

Secondo la ricercatrice capo dello studio, Faye Probert, questo è un modo completamente nuovo per rilevare il cancro. Speri che il test sia così economico e facile da usare che qualsiasi medico possa usarlo.

READ  Nessuna mortalità inferiore con terapia a restrizione di liquidi nello shock settico

Il campione di sangue deve ora essere testato su gruppi più ampi di pazienti prima che diventi disponibile nell’assistenza sanitaria.