TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sven-Eric Liedmann: Ora accadono cose mortali anche nel linguaggio أيض

“Sono andato alla Flume School!”

Questa era la spiegazione di Jan Björklund del motivo per cui non sapeva cosa significasse “loguper” o “aritmetica”. All’epoca era ministro della Pubblica Istruzione ed è apparso in alcuni programmi TV.

Questa era, ovviamente, una spiegazione scadente. Puoi imparare qualcosa di nuovo per tutta la vita. Solo la demenza ferma il processo di apprendimento.

Ogni lunedì mi siedo e guardo Il mondo della scienza su SVT. Si aprono nuovi orizzonti. E il martedì, quando ceniamo, Språket è al P1. Lo svedese è un continente in costante e inesorabile cambiamento.

È anche il continente dove sono nato. Sento l’odore e il sapore di quasi ogni parola in svedese. Mi sono adattato in modo flessibile alla maggior parte dei cambiamenti che la lingua ha subito durante la mia vita. Quando ho iniziato la scuola nel 1946, mi sono imbattuto in parole molto vecchie che non avevo idea di cosa significassero. Ogni mattina alle elementari cantavamo l’inno “Oh Gesù, fammi sempre cominciare…”. “Sempre” era una parola strana per me. Ho visto l’incudine nel villaggio davanti ai miei occhi addolorati, ma non avevo senso.

Oggi, la parola probabilmente esiste ancora solo nei libri da giardino “sempreverdi” su cipressi e rododendri.

La parola come persona Gli insegnanti definiscono la portata di ciò che si può esprimere o immaginare. A parole, salviamo il nostro mondo. Possiamo esprimere amore e disgusto in modo più accurato se abbiamo un linguaggio ricco di dettagli. Le piante di cui conosciamo il nome risaltano più chiaramente di quelle senza nome. Da ragazzo conoscevo tutti i modelli di auto che uscivano sulle strade. Oggi non so quasi nulla. La strada trafficata diventa solo un mucchio di lamiera lucida.

Le lingue straniere ci danno accesso ad altri mondi immaginari. Ogni lingua costruisce la realtà in modo leggermente diverso.

La tua vena da liceo ci renderà multilingue. Era vecchio anche allora, la linea era del 1933, e serviva l’anno scorso quando ho preso lo studente come studente privato nel 1956. Aveva molto latino e il francese era la lingua moderna più importante. L’inglese e il tedesco sono arrivati ​​sulla corda.

Al contrario, politici e burocrati spesso esauriscono il linguaggio nel loro desiderio di non dire troppo. Quali oneri dovrebbe portare oggi la parola “inaccettabile”?

Molto diverso ora. È inglese, inglese, inglese. Impari a ordinare in un ristorante nell’altra lingua che hai scelto. Ma molti giovani navigano facilmente e liberamente in inglese. La musica che ascoltano è in inglese. L’inglese sta penetrando nella loro lingua svedese.

READ  La Svezia ha aperto la seconda giornata del vertice sul clima

Per me lei è svedese La lingua che coltivo davvero. Il secondo è il linguaggio degli affari che mi aiuta attraverso una quantità impressionante di libri, articoli, piacevoli incontri personali e conferenze o conferenze occasionali. Lo svedese è il mio mezzo.

E così la lingua svedese cambia. Lo è sempre. A volte sento che la lingua cambia più velocemente delle persone. Il flusso costante di parole trova posto nei dizionari e nei dizionari svedesi ogni anno, e quasi lo stesso numero scompare e viene dichiarato morto. Quest’anno, “dichiarazione” è diventata una parola svedese, mentre “canzone degli elfi” è stata omessa. No, non userò mai la parola “manifesto” in svedese. E la canzone dei nani – la parola è così bella, ma sicuramente dovresti essere in grado di trovarne un’altra per descrivere gran parte del dibattito politico di oggi?

Amo leggere testi svedesi del XVII e XVIII secolo. Ma non uso vecchie parole da lì, anche se spesso suonano sexy. Lo facevano gli antichi storici delle idee. “Fä wonder” è una grande parola, non è vero? Vedi davvero la creatura di fronte a te, proprio come vedi le persone che abbassano il mento davanti a qualcosa di fondamentalmente banale.

Nuove parole sono costantemente necessarie per una nuova realtà. Facebook, Twitter e Instagram sono dotati di social media. Covid-19 è una parola nuova. Si spera che scomparirà dal linguaggio quotidiano nel tempo, come con la distanza della corona. Cinquant’anni fa, mobile significava un’opera d’arte in movimento, e oggi è quasi alla portata di tutti.

Un’altra nuova realtà Possono essere odiati, così come gli scooter elettrici e gli influencer. Sono comunque lì, indifferenti alla mia esitazione.

Ma ci sono cambiamenti negli standard linguistici che non intendo rispettare. Non posso parlare di “universo” al plurale. Perché noi, invece di questa particolarità, non facciamo tutto il passo e parliamo di “universo” con “universi” al plurale? I “fatti” sono un altro figlio del dolore. Di recente ho sentito Christian Locke parlare in TV di una “verità”. Qualche prozio lo ha moderatamente corretto: fatto. Ma quando “fatti” diventa singolare e plurale nello svedese obbligatorio?

La lingua è una parte essenziale della nostra identità. È qui che ci incontriamo, ed è qui che trasmettiamo ciò che consapevolmente vogliamo esprimere (volti, gesti alla mano). Costituiscono la base della cultura umana.

READ  Fonte: Kabul offre la condivisione del potere ai talebani

Anche molti altri animali hanno lingue. Ma il loro linguaggio manca di concetti, cioè di unità di significato che possono essere sia fisse che precise. Solo un essere umano scrive una lingua e può fare traduzioni da una lingua all’altra. Solo noi possiamo parlare la lingua.

Il linguaggio è espressivo senza limiti. I grandi poeti hanno saputo dimostrarlo. Ma ci sono persone normali che possono eccellere oralmente in un linguaggio creativo e accattivante.

E il linguaggio della matematica: infinita bellezza, sottile e meravigliosa.

Politici e burocrati Al contrario, il linguaggio è spesso impoverito nella sua ansia di non parlare troppo. Quali oneri dovrebbe portare oggi la parola “inaccettabile”? È inaccettabile non toccare. Non è accettabile sparare alle persone all’aperto. È inaccettabile dirottare e abbattere un aereo a Minsk.

Dicono che i giornalisti non fanno il loro lavoro e danno voce agli ignoranti. Forse anche le persone con la pelle più spessa dovrebbero poter parlare. Francamente: Hey fan!

Ma oggi, al contrario, abbiamo bisogno di un linguaggio ricco ed espressivo, un linguaggio capace di spiegare la bellezza e la miseria della vita così come la capacità dell’uomo di costruire e distruggere.

Non c’è quasi un nordico che non sia stato sorpreso dalla bellezza della natura a maggio e giugno e sia alla ricerca di parole per esprimere come ci si sente. Questo dopo mesi di buio e freddo! Biancospino e lilla, sospiriamo con lussuria, fiori di castagno, il sempreverde puro degli alberi, e … e …

Ogni giugno, di solito mormoro tra me e me nella poesia di Harry Martinson sull’infinita notte di giugno.

E in mezzo allo stupore, c’è una spina che ogni anno fa sempre più male, e non è la vecchia spina comune che tutto passa così in fretta. No, è molto peggio. È la consapevolezza che noi umani minacciamo tutta questa bellezza con la nostra preda per tutto ciò che può portare denaro. Sapere cosa sta succedendo è devastante e la scienza può seguire in dettaglio il processo di distruzione; Tuttavia, il canto dei nani non viene messo a tacere da un gruppo vocale che, con scarsi argomenti, cerca di placare le proprie paure con varie realtà alternative. Dicono che i giornalisti non fanno il loro lavoro e danno voce agli ignoranti. Forse anche le persone con la pelle più spessa dovrebbero poter parlare.

READ  Inghilterra: è troppo pericoloso revocare le restrizioni, afferma l'esperto

Francamente: Hey fan!

Abbiamo bisogno anche noi Un linguaggio che può sfidare tutta la scarsità che caratterizza la pubblicità e il potere d’acquisto. Abbiamo bisogno di una sfida mumbojumbo per i leader aziendali; Forse un progetto universitario di economia, economia e educazione giuridica potrebbe davvero significare qualcosa di positivo? Abbiamo bisogno di un linguaggio che possa arricchire il discorso politico che oggigiorno finisce costantemente nelle trappole mentre i funzionari di partito si lanciano in faccia le statistiche sulla criminalità, i numeri dell’immigrazione, i problemi ambientali e climatici. È facile avere l’impressione che il conflitto riguardi solo il potere e non le questioni che definiscono il nostro futuro comune.

Ancora più importante, prestare attenzione ai lapsus infidi che ora minacciano i concetti politici di base. Questo non vale per il centro stesso, la democrazia. I democratici svedesi stanno per cambiare idea sulla direzione ungherese. Abbiamo appena ricevuto un esempio eloquente. Un politico locale per SD ha attaccato un professore di storia che aveva parlato dell’assalto al Campidoglio nell’unico modo plausibile: come un attacco alla democrazia. Il politico SD aveva un’opinione diversa.

Il lettore di storia, Frederick Clawson, ha risposto in modo molto carino nell’articolo completo “Suonerie che avvertono quando tu come insegnante di storia sei minacciato dai politici SD” in DN (25/5). La sua risposta può darci speranza. C’è ancora un sergente che lavora al lavoro della talpa in SD. Se moderati, democristiani e liberali non possono farcela, allora dobbiamo intervenire noi altri. Frederick Clauson ha guadagnato spazio nel suo saggio inserendo l’attacco dell’uomo SD nel contesto più ampio che un grande romanzo può fornire. La lingua si è arricchita. Ha scritto non solo su un singolo caso, ma su dettagli minacciosi in un contesto molto più ampio.

Dobbiamo essere tutti preparati. Anche nella lingua stanno accadendo cose fatali. Molto dipende da ognuno di noi.

Leggi di più:

Sven-Eric Liedmann: È strano che solo SD possa incanalare l’insoddisfazione

Sven Eric Liedmann: La mia vita finirà presto, ma è ancora piena dell’essenziale