TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatori: dobbiamo trattare i disturbi mentali in modo diverso

Almeno una persona su otto nel mondo ha una diagnosi psichiatrica Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la depressione è una delle principali cause di disabilità nel mondo.

Allo stesso tempo, stima l’OMS Il numero di persone che soffrono di ansia e depressione è aumentato fino al 25% durante il primo anno della pandemia.

Pertanto, vi è anche un urgente bisogno di comprendere e curare le gravi malattie prevalenti.

Ora i ricercatori dell’Università di Oslo, tra gli altri, si stanno chiedendo se dovremmo definire la schizofrenia come una diagnosi e il disturbo bipolare come un’altra, perché la sovrapposizione genetica tra diversi disturbi mentali è enorme.

I supercomputer si basano su milioni di variabili

Nel loro studio pubblicato sulla rivista scientifica Giornale americano di psichiatria, I ricercatori hanno esaminato i dati genetici di oltre 200.000 persone con malattie mentali.

Concentrandosi inizialmente sulla sovrapposizione genetica tra disturbo bipolare, ADHD, depressione e schizofrenia, un team di 30 matematici, statistici ed esperti di informatica ha utilizzato la matematica avanzata per analizzare i milioni di variazioni genetiche.

Utilizzando un supercomputer migliaia di volte più potente dei normali computer, hanno studiato le varianti genetiche che possono essere associate al disturbo bipolare e le hanno confrontate con le varianti che possono essere associate alla schizofrenia.

Ricercatori: “Un cambiamento nella percezione”

Le analisi hanno rivelato 10.000 varianti genetiche associate a malattie mentali e molte si sovrappongono a malattie.

Una scoperta è stata che il disturbo bipolare e la schizofrenia si sovrappongono a 8.500 varianti genetiche, mentre l’ADHD e la depressione si sovrappongono a 4.500 varianti genetiche.

Allo stesso tempo, il rischio di sviluppare la depressione è influenzato da 14.500 varianti genetiche, 7.500 delle quali possono influenzare anche il rischio di sviluppare il disturbo bipolare. Jay Hindley, primo autore dello studio, spiega:

“I risultati potrebbero essere un cambiamento importante nella nostra comprensione delle basi genetiche dei disturbi mentali. Invece di avere un piccolo numero di geni che influenzano specificamente il rischio di sviluppare la schizofrenia, dimostriamo che ci sono probabilmente migliaia di varianti genetiche in gioco”, ha aggiunto. dice.

Gli effetti collaterali possono essere evitati

Lo studio non è il primo nel suo genere a dimostrare che molte malattie mentali hanno la stessa radice genetica, poiché i ricercatori hanno precedentemente raccolto campioni da più di 100.000 persone e hanno trovato alcune varianti genetiche che possono aumentare il rischio di sviluppare disturbi mentali.

Ma è una delle prime a fornire una stima approssimativa del numero di somiglianze genetiche tra i diversi disturbi mentali se li troviamo tutti.

Jay Hindley spera che la scoperta significhi che in futuro saremo più bravi a identificare le malattie, a restringere le cause e quindi anche a personalizzare il trattamento, evitando così che il grande gruppo di persone con diagnosi di depressione, ad esempio, non venga solo raggruppato .

“Il motivo per cui abbiamo ancora il sistema che abbiamo oggi, con le diagnosi psichiatriche, è perché non sono state sviluppate alternative migliori. Ma spero che con queste misure biologiche possiamo dividere i pazienti in gruppi più simili. In questo modo, ad esempio, possiamo anche impedire alle persone che non trarrebbero beneficio dai farmaci in alcun modo se non dover convivere con gli effetti collaterali dei farmaci.

READ  Dovresti avere gli stessi livelli di zucchero nel sangue di chiunque non abbia il diabete di tipo 2