TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quindi l'industria della moda è diventata più coraggiosa

Quindi l’industria della moda è diventata più coraggiosa

Secondo il giornalista e analista di moda Kay Bond, gli stilisti stanno diventando più coraggiosi e artistici. Crede che gli stilisti di oggi abbiano un nuovo ruolo da svolgere nell’ispirare i clienti ad essere coraggiosi.

Testo: Kay Bond / Foto: Tradelands, CC BY 2.0 e Rete, CC BY-SA 4.0.0 Aggiornare, tramite Wikimedia Commons

La mia conoscenza ed esperienza della cultura della moda l’ho avuta con me per molti anni da Parigi dove ho studiato e lavorato. È stata coinvolta con Promostyl, che ha coniato il termine, Ufficio moderno ed elegante.

Ho lavorato con loro per 30 anni come analista e mi sono immerso nella lettura di tutte le correnti culturali. Parallelamente, ha scritto e tenuto conferenze sulle influenze in Scandinavia e ha fondato la rivista di moda CLIC e il programma televisivo Modemaffian per TV4. È sempre stato mio compito descrivere tutte le correnti sociali e culturali della società a fini di sviluppo e leggere quali sono davvero il futuro.

Questo era l’obiettivo della sua ultima sfilata, Art in Fashion, l’anno scorso. Con un gruppo selezionato di creatori scandinavi e uno storico della moda di Parigi, ho voluto illustrare lo stretto rapporto tra moda e arte.

Se parliamo di atteggiamenti e stili di vita maschili e femminili, di genere e di banalità, possiamo farci aiutare dalla storia della moda e ricordare gli anni Venti e il gruppo di Bloomsbury che vivevano da studiosi, dove il genere era un concetto sfocato quando si trattava di lifestyle e un’ispirazione per la forma e il design. Nel mio mondo, dal momento che seguo le passerelle internazionali dagli anni ’70, c’è una chiara libertà tra i noti creatori di moda. Come è noto, tutti i sessi sono nelle case di moda da molto tempo.

Nel mondo della moda, non è un vero problema, è un’opportunità per stravolgere e trasformare il classico “maschile e femminile”.

Per i sarti classici delle principali case di moda c’è sempre stato un modello per come viene cucito e tagliato un abito da uomo o da donna, ma poiché l’interesse per lo sport e lo streetwear è cresciuto negli anni, hanno anche amato i tagli classici, senza problemi . Dato che viviamo in un momento di morale alto, sarebbe politicamente corretto affrontare la questione del genere, ma le persone sono comunque libere e così è negli ultimi anni un gruppo di stilisti in forte crescita.

L’epidemia ha dimostrato che questa moda è indispensabile. Non da ultimo attraverso l’e-commerce e la comunicazione digitale dove la moda può essere paragonata all’intrattenimento.

READ  Evelina Dolgan è pronta per la Juventus

Nel mondo della moda sono in atto cambiamenti rivoluzionari, dovuti principalmente all’ambiente e al clima. Tutti i marchi e le case di moda più noti e consolidati erano in qualche modo all’inizio della revisione del loro processo di produzione di capi di abbigliamento di pregio. Ma l’enorme industria tessile, che trae profitto dall’industrializzazione in Asia e dallo sfruttamento del lavoro, sia maschile che femminile, ha causato per molto tempo un enorme inquinamento in relazione alla produzione di massa di abbigliamento e altri beni tessili. Lo scopo, ovviamente, era quello di fornire al mercato vestiti economici da consumare nel tempo e nel tempo. Perché questo è l’aspetto del sistema dei consumi.

Ora che il pendolo ha oscillato e ora che il token è finalmente nel settore e con il consumatore, gli adeguamenti stanno avvenendo a un ritmo rapido e la sostenibilità è un chiaro prerequisito. Impariamo ad avere 10 anni prima che vada davvero all’inferno. Con l’aiuto di nuove tecnologie, ricerca, nuovi materiali, riutilizzo e un processo di produzione completamente nuovo, gran parte del quale riguarda la preparazione digitale con disegno, materiale, modello e forma, prima che le macchine prendessero il sopravvento, ne ha fatta di strada. Allo stesso tempo, il cucito e l’artigianato stanno reclamando il loro posto per un cliente nuovo e meticoloso. La consapevolezza della qualità del consumatore è chiara e il consumo sta cambiando. Oggi i consumatori sono anche cittadini del mondo. Gli studi etnologici sono più importanti che mai per l’industria della moda. Pertanto, la cultura e le tradizioni di diversi paesi potrebbero essere un problema più grande del genere, ma lo stile di abbigliamento maschile e femminile è un classico che è ancora in piedi.

L’industria dell’arte ha fatto molta strada nel mettere a fuoco e presentare l’arte africana. La rivista Time descrive il Rinascimento nero in tutte le arti dello spettacolo. Che a sua volta ispira la moda e mostra l’attuale diversità nel fashion design di oggi. Fantasie colorate e accostamenti scoppiettanti irriverenti. Da qui anche il cambiamento nelle riviste di moda. Edward Enninful, il nuovo caporedattore di Vogue inglese, è un pioniere che ha ricevuto molta attenzione. Nato in Ghana e cresciuto a Londra. È descritto come una figura influente negli ambienti della moda come Hollywood e il mondo della musica, caratterizzando l’ethos culturale del tempo. I designer di abbigliamento innovativi di oggi vivono e prosperano da questa comunità LGBTQ. Osano alternarsi e sperimentare, ma allo stesso tempo imparano l’importanza dei pionieri classici nella storia della moda. Una volta iniziato come modello, ha continuato come designer e nel 1991 è diventato fashion editor per l’allora rivoluzionaria rivista iD, e successivamente per Vogue Italia dove è diventato famoso per “The Black Issue” nel 2008 che era pieno di solo nero modelli e artisti. rappresentanti.

READ  I fratelli Seden e Alfredson sono stati eletti nella Hall of Fame

Oggi c’è una grande consapevolezza tra i futuri designer sul valore di un’istruzione di qualità e di stage di valore, creando così il proprio nome e il proprio profilo di moda preferibilmente fabbricati nell’ambiente locale. Talento, abilità e talento sono oggi più alti che mai e questo ovviamente ha a che fare con i media digitali poiché puoi facilmente essere ascoltato come stilista principiante. In questo modo, il design può sembrare nuovo in qualsiasi modo senza dover essere “moderno”.



Jean-Paul Poltier ha provocato ed è stato solo oggi con un'espressione molto speciale nelle sue creazioni di abbigliamento per tutti i sessi e corpi sontuosi.


© Inserito da Jezzine
Jean-Paul Poltier ha provocato ed è stato solo oggi con un’espressione molto speciale nelle sue creazioni di abbigliamento per tutti i sessi e corpi sontuosi.

Questo ispira le persone a trovare il proprio stile e la propria espressione. Qualunque sia il genere a cui appartieni. Questa ispirazione è stata a lungo trovata nelle case di moda affermate, tutte note per le loro adorabili creazioni che possono essere indossate da tutti i personaggi. Basti pensare a Coco Chanel, che già negli anni venti pose le basi per i look alla moda dei nostri tempi prendendo gli abiti dai guardaroba delle sue amanti e trasformando i loro completi, camicie e pantaloni in outfit utili e femminili. Altri classici moderni sono Vivienne Westwood Prada, Gucci, Alaïa, Comme des Garcon, Yohji Yamamoto, Martin Margiéla, Hermès, Dries van Noten, Jean-Paul Gaultier e molti altri.

Penso in particolare a Jean Paul Gaultier e ai suoi costumi che presentai in Svezia negli anni ’80 per la mia rivista CLIC. È stato provocato ed è solo oggi con un’espressione molto speciale nelle sue creazioni di abbigliamento adatte a tutti i sessi e corpi lussuosi. Il suo corridoio della sfilata era pieno di allegria e positività con personalità di top model in passerella. È stato il primo a mostrare gonne sugli uomini in tempi moderni, ispirate alla gonna scozzese. Intendiamoci, quanti re medievali non indossavano gonne o pantaloni gonfi?

READ  "Questo concetto mancava in Svezia" - l'intera Heisingen

Vivienne Westwood ha già avuto il coraggio durante l’era punk degli anni ’60 di protestare con l’aiuto di abbigliamento palese, e la rivoluzione politica è diventata il suo primo segno di Better Buying, Buying Less per il suo slogan. La più recente è la collaborazione con Richard Attenborough su quanto sia importante proteggere la natura prima che sia troppo tardi!



Vivienne Westwood ha già avuto il coraggio durante l'era punk degli anni '60 di protestare con l'aiuto di abbigliamento palese, e la rivoluzione politica è diventata il suo primo segno di Better Buying, Buying Less per il suo slogan.


© Inserito da Jezzine
Vivienne Westwood ha già avuto il coraggio durante l’era punk degli anni ’60 di protestare con l’aiuto di abbigliamento palese, e la rivoluzione politica è diventata il suo primo segno di Better Buying, Buying Less per il suo slogan.

L’attuale mercato della moda può sembrare, a dir poco, sconcertante per le persone perché tutto ciò che esiste, sia locale che globale, è diventato anche globale. Voglio dire, i nostri stilisti sono diventati sempre più coraggiosi e artistici. E credo che abbiano un nuovo ruolo, ispirare anche i clienti ad essere coraggiosi, comunicando selvaggiamente le loro idee dietro le loro creazioni nei media digitali! Invece di tutti quei programmi di prodotti di abbigliamento in TV che non forniscono alcuna ispirazione. È anche abbastanza sorprendente che i programmatori televisivi non si siano ancora resi conto che l’esperienza televisiva deve avvicinarsi al regno dell’arte e delle immagini digitali per attirare il pubblico. Poiché tutti gli stilisti internazionali hanno dovuto passare al digitale in questa stagione, ero entusiasta di vedere una nuova ricchezza di idee con un focus sulla libertà e sulle possibilità individuali.

Le teorie e i concetti della ricerca sulla moda sono sicuramente preziosi, in quanto aiutano i ricercatori di genere a scoprire diversi modi di vestire, acconciare i capelli, modellare il corpo e creare look maschili e femminili che ora sono così naturali da essere dati per scontati. La conoscenza storica dei cambiamenti della moda aumenta anche la possibilità per i ricercatori di genere di prendere le distanze dal modello di ripetizione profondamente immerso nella chiarezza di oggi. Sarebbe possibile stabilire una genealogia per l’inespressivo e descrivere l’emergere storico di quella che sembra essere una nuova normalità.

il post Kai Bond: Ecco come l’industria della moda è diventata più coraggiosa prima apparizione Articoli dai migliori scrittori svedesi: tutto in un’unica app | Jezzine.