TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quindi la terra controlla la sua temperatura nel tempo

Lastre di ghiaccio spesse chilometri punteggiavano gran parte dell’emisfero settentrionale, vulcani giganti che seppellivano il pianeta nel mercurio e asteroidi larghi chilometri che si schiantavano sulla superficie e scatenavano massicci tsunami e piogge di vetro.

Il clima terrestre ha subito un gran numero di esperienze estreme durante i 4,54 miliardi di anni del pianeta. Tuttavia, ha ospitato una forma o un’altra di vita negli ultimi 3,7 miliardi di anni.

Ora i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology negli Stati Uniti hanno pubblicato uno studio sulla rivista scientifica La scienza avanzadove affermano che il nostro pianeta ha uno speciale meccanismo di stabilizzazione, che nel corso di centinaia di migliaia di anni può riportare il clima dall’abisso e mantenere le temperature globali entro un livello stabile e abitabile.

Lunghi dubbi

I ricercatori ritengono che il meccanismo che hanno escogitato sia un processo geologico, in base al quale il lento collasso di rocce e rocce alla fine estrae il carbonio dall’atmosfera.

Gli scienziati sospettano da tempo che il processo, chiamato alterazione dei silicati, svolga un ruolo importante nel ciclo del carbonio terrestre. Ma quelle che una volta erano riflessioni teoriche tra gli scienziati del clima ora hanno un supporto molto più scientifico.

Lo spiega Tess Wiechen Dahl, geologa del Globe Institute dell’Università di Copenaghen che ricerca la stabilità nel ciclo geochimico sulla Terra. Non è stato coinvolto nello studio, ma è comunque entusiasta del lavoro dei ricercatori statunitensi sulla missione.

“Quando modelli il clima oggi, a volte indovini che ciò che accade in un esperimento di laboratorio funzionerà anche a livello globale. Ciò può essere rischioso, perché sono coinvolti molti meccanismi sconosciuti di stabilizzazione e accelerazione. Questo studio adotta un nuovo e interessante approccio matematico a un problema , osservando le curve di temperatura negli ultimi 65 milioni di anni”, spiega.

Ricercatore: Nessun aiuto ora

Altri modelli climatici spesso derivano da dati di ere glaciali ed ere glaciali, spiega Tais Wittchen Dahl, che con buone ragioni ci aiutano solo a guardare i periodi glaciali. Pertanto, abbiamo poca conoscenza dei meccanismi che erano in gioco quando in precedenza c’erano alti livelli di anidride carbonica nell’atmosfera, ma niente ghiaccio.

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato le curve di temperatura locali, comprese quelle del mare profondo, che potrebbero riflettere le variazioni della temperatura media sulla Terra. Successivamente, hanno usato un’analisi matematica per vedere se questi dati rivelassero schemi, che erano caratteristici di certi meccanismi di stabilizzazione.

I ricercatori hanno rilevato entrambi i modelli coerenti, che le fluttuazioni della temperatura della Terra si sono moderate per oltre 100.000 anni e che il tempo impiegato era coerente con l’erosione dei silicati come causa.

Ma la scoperta certamente non significa che possiamo sederci senza preoccuparci delle fluttuazioni di temperatura e delle emissioni di anidride carbonica, spiega anche Tais Wittchen Dahl.

“Nessuno di coloro che vivranno tra 100.000 anni ti ringrazierà per aver ridotto le tue emissioni di anidride carbonica. Perché la crisi causata dalla nostra attuale situazione climatica lascerà il posto a nuove persone che arriveranno tra 100.000 anni. Ma la maggior parte di noi pensa a una prossima generazione , forse due al massimo – Questo è un tempo di risposta di 100.000 anni.”

Al momento, i geologi di tutto il mondo stanno lavorando a una soluzione per aumentare l’erosione dei silicati e quindi estrarre più velocemente l’anidride carbonica dall’atmosfera terrestre.

READ  Järven Joplin sembra stare bene nello spazio da Nordens Ark