TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Molti polli sono stati uccisi – timori per l’influenza aviaria

La struttura situata nel comune di Simrishamn è stata chiusa e l’Ente per l’agricoltura svedese ha deciso un’area di restrizione di 10 km.

Gli uccelli infetti sono stati uccisi e la struttura sarà disinfettata.

Questo è il quarto caso confermato di influenza aviaria nel pollame in Svezia in questa stagione influenzale e la situazione è ora molto seria, secondo Katharina Geelen, capo del controllo delle infezioni presso il Consiglio per l’agricoltura svedese.

– Ci ricorda come è iniziata la scorsa stagione, con diversi casi prima della fine dell’anno, dice.

Il rischio di infezione è considerato elevato in tutta la Svezia, ma è indicato come particolarmente elevato nel sud della Svezia. Lì, il livello di protezione è stato elevato al livello 2 all’inizio di novembre, il che significa, tra l’altro, che tutti i volatili domestici devono essere tenuti in casa.

Due milioni di polli sono stati uccisi

Lo scorso inverno e primavera, la Svezia e l’Europa hanno avuto la loro stagione di influenza aviaria più pericolosa fino ad oggi. Tra le altre cose, il più grande produttore di uova della Svezia, nel comune di Münsteras, è stato costretto a uccidere circa due milioni di galline ovaiole.

– Quello che abbiamo visto la scorsa stagione è che l’infezione proveniva da uccelli selvatici e non si è diffusa tra gli stormi infetti. Quindi è molto importante che gli uccelli domestici e selvatici siano tenuti separati l’uno dall’altro, dice.

Il virus si trova negli escrementi degli uccelli selvatici e può, ad esempio, diffondersi attraverso i pneumatici e le scarpe delle auto.

Nei grandi stabilimenti commerciali, ci sono rigorose procedure igieniche. Ma in qualche modo, il virus è ancora riuscito a passare, dice Gillin.

READ  Un'analisi critica degli studi sulla terapia ormonale in menopausa

insolito negli esseri umani

Alcuni virus dell’influenza aviaria possono infettare l’uomo, ma questo è molto raro. In Svezia, nessun essere umano è stato ancora infettato dall’influenza aviaria.

– Questa particolare variante che vediamo ora che abbiamo avuto nel precedente focolaio non ha infettato l’uomo. Non ci sono segnalazioni in merito.

Il virus non si trasmette nemmeno attraverso il cibo.

Il tasso di mortalità aumenta a causa di questa malattia e gli animali muoiono da soli. Pertanto, vogliamo anche ucciderli rapidamente perché è un animale sofferente.

La situazione è grave e la stessa situazione è stata segnalata da altri paesi in Europa, secondo Karl Stoll, epidemiologo statale presso la SVA.

“L’azione preventiva per combattere l’infezione e la tempestiva segnalazione di un aumento dei decessi sono molto importanti in questo momento”, ha affermato in un comunicato stampa.

L’effetto dell’autosufficienza

Secondo lo Swedish Agriculture Board, la Svezia aveva 8,9 milioni di galline ovaiole prima della grave epidemia della malattia lo scorso inverno.

Secondo Marie Loneskog Hojstadius, responsabile delle operazioni dell’organizzazione industriale Swedish Eggs, il fatto che così tanti polli debbano essere uccisi ha influito sull’autosufficienza delle uova della Svezia.

– Abbiamo perso molta produzione, e poiché erano i polli giovani ad essere colpiti, non c’erano polli da riempire.

Solo all’inizio del prossimo anno la produzione dovrebbe tornare, con l’export in aumento.

Ogni giorno senza sospetto di infezione è un buon giorno. Ma siamo chiaramente preoccupati che anche i produttori di uova saranno colpiti dal virus, afferma Marie Loneskog Hojstadius.

Fatti: influenza aviaria

L’influenza aviaria è una delle malattie più pericolose che possono colpire il pollame.

READ  TBE dyrare för samhället än man tidigare trott -

Questa malattia è causata dal virus dell’influenza che può causare epidemie improvvise con un tasso di mortalità molto elevato.

Alcuni tipi di virus possono infettare l’uomo, ma sono molto rari. In Svezia, nessun essere umano è stato ancora infettato dall’influenza aviaria.

Lo scorso inverno, la Svezia è stata colpita da diversi focolai in quella che è stata descritta come la peggiore stagione di influenza aviaria fino ad oggi. Tra le altre cose, il più grande produttore di uova della Svezia, nel comune di Münsteras, è stato costretto a uccidere circa due milioni di galline ovaiole.

L’influenza aviaria non si trasmette attraverso il cibo.

Fonte: Swedish Board of Agriculture, Swedish Veterinary Institute, Public Health Agency