TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Michael Winarsky: Putin vuole controllare tutta l’Europa dell’Est

Non è una novità per la Russia opporsi al permesso alle ex repubbliche sovietiche come l’Ucraina e la Georgia di unirsi all’alleanza di difesa occidentale. Dopotutto, le preoccupazioni russe al riguardo erano l’argomento secondo cui la Russia era stata “costretta” a invadere la Georgia nel 2008 e l’Ucraina nel 2014.

Ma il progetto di accordo sulla sicurezza consegnato dal ministero degli Esteri russo agli Stati Uniti è una forte escalation delle ambizioni di Mosca e va oltre il non consentire a nuovi paesi di aderire alla NATO.

Secondo il progetto di accordo, Washington garantirà anche che gli Stati Uniti e la NATO non conducano attività militari nelle repubbliche dell’ex Unione Sovietica o forniscano armi a questi paesi sovrani.

E poi non si tratta solo dell’Ucraina, che ora è circondata dall’esercito russo, ma dell’intera regione post-sovietica e dei paesi che fino al 1990 facevano parte del Patto comunista di Varsavia.

Le forze russe hanno recentemente condotto esercitazioni militari vicino al confine con l’Ucraina.

Foto: Copyright 2021 di Associated Press. Tutti i diritti riservati.

accordo proposto, che proibisce a nuovi paesi di aderire alla NATO, tuttavia, non dovrebbe finire con i rispettivi paesi come l’Ucraina o la Georgia. Nella visione del mondo di Putin, sono le grandi potenze che decideranno come governare l’Europa. Questo modello deriva dalla conferenza tenuta a Yalta nel 1945, quando le potenze vittoriose della seconda guerra mondiale divisero il mondo in sfere di influenza.

Questo non basta a Putin, che vuole non solo tornare a “Yalta”, ma anche alla dottrina formulata dall’allora leader del Partito comunista sovietico Leonid Brezhnev nell’autunno del 1968. Il principio di Breznev era che Mosca si fosse data il diritto intervenire militarmente contro le dittature dell’Europa orientale che vogliono andare per la loro strada. Breznev utilizzò l’idea di “sovranità limitata” per giustificare l’invasione della Cecoslovacchia.

È anche in linea con l’obiettivo generale di Putin di riportare la Russia alla sua precedente grandezza (sovietica). È anche in linea con la sua nota affermazione che il crollo dell’Unione Sovietica è stata “la più grande catastrofe geopolitica del ventesimo secolo”. La scorsa settimana, ha ribadito il suo dolore per la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991. Era la disintegrazione della “Russia storica chiamata Unione Sovietica”.

Nella bozza di accordo, il Cremlino ha anche chiesto alla NATO di ritirare le infrastrutture militari dispiegate nei paesi dell’Europa orientale dopo il maggio 1997, momento in cui NATO e Russia hanno concluso un accordo di base sulle relazioni future. Ciò significa che le unità e le installazioni militari della NATO devono lasciare la Polonia, la Romania e i tre Stati baltici, senza che questi Stati abbiano voce in capitolo. Mosca vuole un’influenza esclusiva nei paesi che un tempo facevano parte dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia.

Quindi la domanda è perché sta ancora facendo una proposta chiaramente inaccettabile?

Richieste russe È diretto da un lato verso ovest. Nulla viene detto sulla garanzia della Russia che non attaccherà più l’Ucraina e la Georgia. Non si tratta di Mosca che ritira il suo esercito dalla Bielorussia, dalle regioni georgiane dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud, dalla Crimea ucraina e dal Donbass.

Gli Stati Uniti non possono rinunciare a nessuno di questi punti. Certo, Putin lo sa. Quindi la domanda è perché avanza ancora una proposta chiaramente inaccettabile, per di più sotto forma di qualcosa di poco diplomatico come un ultimatum pubblico.

Una possibilità potrebbe essere che l’accordo proposto sia un punto di partenza negoziabile.

Il giorno dopo che la Russia ha pubblicato la sua lista di richieste, il viceministro degli Esteri Sergei Ryabkov ha annunciato che Mosca potrebbe prendere “nuove misure” per difendere la sua sicurezza a meno che gli Stati Uniti e la NATO non prendessero sul serio le richieste russe.

La Russia ha schierato quasi 100.000 soldati e armi pesanti sul confine ucraino, quindi è facile capire a cosa si riferisse Rybkov.

Non sarà un compito facile Gestire Joe Biden per evitare le richieste russe. Gli Stati Uniti non possono – come chiede Putin – negoziare la sicurezza di alleati e partner sopra le loro teste.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti non hanno risposto agli inviti russi a negoziare. Un rifiuto completo darà a Mosca un pretesto per realizzare minacce militari contro l’Ucraina.

Pertanto, Biden sta facendo un atto di equilibrio e la Casa Bianca ha annunciato che è pronto a parlare, ma non accetterà le richieste russe che l’Ucraina non possa mai diventare un membro della NATO. Né che i colloqui sulla sicurezza europea si svolgano senza alleati europei degli Stati Uniti.

Fyodor Lukyanov, un importante analista straniero russo, ha una desolante interpretazione della mossa del Cremlino. Ha scritto sul Moscow Times che il Cremlino crea una scusa per premere per un cambiamento radicale dell’attuale sistema di sicurezza in Europa: “In questo caso, possiamo aspettarci che Mosca adotti misure che dimostrino la determinazione della Russia a cambiare unilateralmente lo status quo”.

In altre parole: crescono i timori per una nuova invasione russa dell’Ucraina.

Per saperne di più:

Il dilemma del mercenario di Putin per il governo: gli svedesi potrebbero dover affrontare il famigerato Wagner in Mali

Lego Cranes di Wagner – L’esercito segreto di Putin

Gli stranieri in Russia devono essere sottoposti a screening per HIV e farmaci

Ministro della Difesa: le richieste della Russia sono completamente respinte

READ  I ministri degli Esteri parlano di conflitto e clima a Stoccolma - Radio Sweden in Easy Swedish