TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lionel Messi e l’Argentina non hanno nulla di cui scusarsi • Eric Neva

Doha. Una squadra che non si unisce, un paese che non si unisce?

non oggi.

Oggi possiamo seguire l’Argentina da re a principe, da padre in figlio, dagli spalti allo stadio. E in notti come questa, non c’è nessun altro paese calcistico come questo.

Vamus, silicone Vamos.

Non sai mai quale squadra vincerà la Coppa del Mondo, ma c’è una cosa di cui puoi sempre essere certo.

E i tifosi argentini prenderanno il sopravvento.

Indipendentemente dall’anno e dal luogo in cui si tiene il torneo, arriveranno a decine di migliaia con i loro colori, canti e tamburi. Hinchas y hinchadas, bombas y canciones.

Già durante la partita contro il Messico, i membri di oltre 90 squadre diverse barre Eccomi qui – il gruppo di sostenitori più strettamente organizzato – e da allora non è diminuito.

In questa partita, ad esempio, l’intera prima linea dei Phillies è stata travolta nudo La Pandilla de Liniers è presente e, come al solito, non è chiaro come ottengano effettivamente i biglietti e come possano permettersi di andare.

La verità è che sono sanzionati e finanziati almeno in parte dalla Federcalcio, e c’è una sorta di tacito accordo nazionale da tenere d’occhio.

Al loro posto servono uomini forti, su cui praticamente tutti sono d’accordo.

Per ogni nuovo torneo, è anche il caso che una canzone speciale venga adattata e incorporata dai partecipanti, trasformandosi nel tema musicale dell’intero torneo.

Questa volta è una melodia quasi cupa svenuta da decine di migliaia di gole.

“An Argentina nací, tierra de Diego y Lionel”, legge la prima riga. Sono nato in Argentina, nella terra di Diego e Lionel.

READ  Kulusevski spera di giocare offensivo con Isaac

Questo è un modo per riassumere l’Argentina. Ci sono più.

L’intera nazione è come una promessa salvata

C’è un detto frequente in macroeconomia che afferma che ci sono quattro diversi tipi di paesi nel mondo; Paesi ricchi e paesi in via di sviluppo, oltre a Giappone e Argentina.

Lasceremo lì il Giappone, ma il gol dell’Argentina indica la distanza tra possibilità e realtà. Nessun altro posto è grande come l’Argentina. È un paese povero con tutte le condizioni per essere ricco.

L’intera nazione è come una promessa salvata. Non c’era molto da nessun’altra parte.

Questo vale per l’economia, il tenore di vita e la vita di tutti i giorni, ma a volte sembra valere anche per il calcio.

Hanno avuto Diego Maradona, hanno avuto Lionel Messi, hanno avuto Alfredo Di Stefano e ne hanno avuti migliaia di altri. Tuttavia, hanno vinto solo due ori in Coppa del Mondo nel corso della storia. Tuttavia, hanno perso due partite contro Camerun e Romania e sono stati costretti a tornare a casa dall’est perché Anders Svensson aveva fame.

Lo stesso ora come allora, lo stesso ora come sempre.

Una profonda crisi politica ed economica in patria, e una squadra di calcio in bilico sull’orlo del baratro. Il tasso di inflazione ha raggiunto l’88% e l’Eselecion perde contro l’Arabia Saudita.

Vincere crampi sul Messico, ma ancora contro il muro. Una sconfitta ed è finita, poi finisce il Mondiale e poi Leo Messi finisce a giocare in Nazionale.

La pressione dall’interno è enorme, ma lo è anche il supporto.

Per la prima volta in questa Coppa del Mondo, quasi tutti i posti dell’arena sono preparati per il calcio d’inizio e almeno il 90% delle persone è venuto qui per cantare insieme. uova.

Solo un paese in tribuna, solo una squadra in campo.

READ  L'ansia della grande star: «Ho paura di tutti...» | Trotto

L’Argentina sta giocando bene, meglio di come giocava da mesi. L’undici iniziale è più piccolo, la mobilità è migliore e lo sprint è maggiore. L’unica cosa che manca è il bersaglio.

Ma il gol fa Leo Messi…? No, in questo giorno in realtà non lo fa.

Prende un rigore per scherzo, ma il possente Wojciech Szczesny lo schiva. Leo Messi non si ferma qui, continua a progredire. Ha fatto grandi buchi nella difesa polacca, portando la palla a 40 metri e colpendo i primi passaggi, ma in questa notte particolare qualcun altro deve segnare gol.

Ci deve essere qualcuno che può prendere l’iniziativa. Se non per sempre, almeno per un po’.

Non c’è niente di cui scusarsi stasera

L’Argentina ha una credenza quasi religiosa nella linea di successione e nell’ordine di successione. Quando un re cade, qualcun altro deve intervenire, e quando un padre si fa da parte, consegna suo figlio.

La famiglia MacAllister non appartiene alla vera nobiltà del calcio argentino, ma padre Carlos giocava ancora in nazionale con Diego Maradona negli anni ’90.

Adesso il ragazzo sta brillando, e Alexis McCallister, a 23 anni, segna il suo primo gol in Nazionale e sostituisce l’Argentina.

20 minuti dopo, il 21enne Enzo Fernandez interpreta il 22enne Julian Alvarez, collegando ancora una volta il futuro al passato. Biologicamente, ovviamente, i due ragazzi non erano figli di Leo Messi, ma sono entrambi mentalmente e dal punto di vista calcistico.

Ci sono foto di Alvarez di 10 anni con Messi. E quando Enzo Fernandez aveva 15 anni e l’Argentina perse un altro torneo, scrisse una specie di lettera aperta di campionato al suo grande campione. Non pensava che l’Argentina apprezzasse abbastanza Messi e lo ha riassunto con le parole: “Grazie e scusa”.

READ  Una città al traguardo: "Conosciamo la scala"

Stasera non c’è niente di cui scusarsi, niente di cui addolorarsi e nessun domani da devastare.

Stasera tutto si risolve.

L’Argentina vince e la canzone travolge il Qatar. Il film, realizzato appositamente per questo torneo, termina con poche righe su come Diego Maradona si è riunito ai suoi genitori in paradiso, e come ora stanno guardando insieme da lì e cantando Leo Messi.

Argentina, Terra di Diego e Lionel.

Ora sono passati 30 minuti dal fischio finale e ci sono non meno di 5.000 argentini ancora in piedi insieme e orgogliosi di un paese come nessun altro.

Ci sono paesi ricchi, ci sono paesi in via di sviluppo e poi c’è l’Argentina.

11 mesi all’anno è una nazione di crisi perpetua. Queste settimane è il paese di Diego e Lionel.