TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le proteine ​​attive di superficie sembrano essere in grado di invertire la malignità delle cellule di neuroblastoma

immagine:

Titolo:

Marie Arseniano Henrikson. Foto: Johannes Frandsen.

Un altro aspetto importante è che siamo stati in grado di dimostrare che i pazienti le cui cellule tumorali hanno queste proteine ​​sulla superficie cellulare hanno una buona prognosi. In sintesi, i nostri risultati costituiscono la base per ulteriori studi con l’obiettivo di poter portare questa strategia in studi clinici per pazienti con neuroblastoma in futuro, dice. Marie Arseniano HenriksonM., professore presso il Dipartimento di microbiologia, oncologia e cellule del Karolinska Institutet e autore finale dello studio.

Lo studio si è basato sul trattamento delle cellule di neuroblastoma analizzate in relazione, tra l’altro, alla crescita cellulare, alla morte cellulare, alla maturazione e al metabolismo. Poiché questi esperimenti hanno prodotto risultati chiaramente positivi, studi simili sono stati condotti su modelli murini di neuroblastoma.

I nostri dati indicano anche che i geni che producono le tre proteine ​​di superficie contribuiscono al normale sviluppo del sistema nervoso nell’uomo. Infine, abbiamo analizzato tre diversi database con informazioni provenienti da pazienti con neuroblastoma e abbiamo scoperto che i bambini i cui tumori mostravano livelli elevati di proteine ​​di superficie avevano una sopravvivenza migliore rispetto a quelli con livelli più bassi, afferma Marie Arsenian-Henrikson.

Ulteriori ricerche sull’attività di segnalazione dei neuroni

I ricercatori stanno ora pianificando nuovi esperimenti trattando modelli murini di neuroblastoma con concentrazioni variabili di cortisolo, estrogeni e/o vitamina A. Nello studio ora pubblicato, i ricercatori non hanno aggiunto queste sostanze, ma hanno fatto affidamento sul cortisolo e sugli estrogeni degli animali, e forse anche sulla vitamina A per l’attivazione.

Nei nuovi esperimenti, i ricercatori seguiranno la progressione del tumore e studieranno l’attività di segnalazione delle cellule nervose che si formano. Un aspetto importante è anche controllare i possibili effetti collaterali. Infine, i ricercatori determineranno quali geni sono importanti per il processo di maturazione e se qualsiasi altro trattamento biologico potrebbe produrre risultati simili o migliori.

READ  L'infezione aumenta - Gotland è la più colpita

Lo studio è stato finanziato dal Consiglio svedese per la ricerca, dal Cancer Fund, dal Children’s Cancer Fund, dal Radiumhemmet Research Funds e dal Karolinska Institutet. Non è stato segnalato alcun conflitto di interessi.

Editoria

L’espressione e l’attivazione dei recettori ormonali nucleari determina una differenziazione neuronale e una prognosi appropriata del neuroblastoma.Lourdes Sainero‑Alcolado, Muhammad Mushtaq, Judit Liaño‑Pons, Aida Rodriguez‑Garcia, Ye Yuan, Tong Liu, María Victoria Ruiz, Pérez, Susanne Schlisio, Oscar Bedoya, Reina, Marie Arsenian, Henriksson. Giornale di ricerca sperimentale e clinica sul cancroin linea 19 luglio 2022, doi: 10.1186/s13046-022-02399-x.