TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’attacco russo all’Ucraina è inimmaginabile

Entro la fine del 2021, si dice che l’esercito russo fosse di stanza a migliaia sul lato russo del confine con l’Ucraina. Ben presto, un elenco di richieste è stato inviato alla NATO per non consentire a più paesi di aderire all’alleanza militare e per limitare il posizionamento di missili nelle vicinanze della Russia. richieste che la NATO non poteva accettare.

– La Russia critica “l’espansione della NATO” Quindi può sembrare che qualcuno al quartier generale della NATO abbia deciso che ci espanderemo e metteremo terra sotto di noi, ma non è così. Bar Gustafsson, analista della politica di sicurezza presso l’Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa (FOI), afferma che erano i piccoli paesi nelle vicinanze della Russia a voler aderire alla NATO, perché temevano in particolare la Russia.

Bar Gustafson afferma che la dura retorica della Russia è un modo per la Russia di garantire la sopravvivenza della leadership politica e di creare coesione interna nel paese unendosi contro un nemico esterno, in questo caso, la NATO e il mondo occidentale. Secondo gli esperti del settore, l’elenco delle richieste russe non sarà accettato dall’Occidente, nemmeno dalla Russia, quindi cosa voleva ottenere la Russia?

Bar Gustafsson è un analista delle politiche di sicurezza presso l’Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa. Foto: Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa

Gustafson pensa che ci siano due diversi scenari. O la Russia si riferisce al rifiuto dell’Occidente come una scusa per ricorrere a mezzi militari, oppure è un tentativo di una strategia negoziale più diplomatica in cui è entrata in difficili offerte fin dall’inizio, e poi ha raggiunto una sorta di accordo che avvantaggia ancora la Russia.

Chiunque trovi una soluzione ora dovrebbe ricevere il Premio Nobel per la Pace. Non sappiamo esattamente quali siano le intenzioni di Putin, ma la Russia ha già raccolto capitali andando in guerra, ad esempio annettendo la Crimea nel 2014, dice di cosa potrebbe accadere in futuro.

Per saperne di più: La tensione è aumentata dopo gli incontri di crisi di questa settimana

L’Ucraina può essere circondata su tre lati

Jacob Hidenskoog, analista del Center for Eastern European Studies presso il Foreign Policy Institute, concorda sul fatto che la situazione è terribile. L’aggressione russa contro l’Ucraina non è nuova, ma è andata avanti per otto anni dall’annessione della Crimea nel 2014. Negli ultimi anni, la Russia ha anche aumentato la sua integrazione militare con la Bielorussia, il che significa che ha la possibilità di assediare militarmente l’Ucraina da tre lati.

– Da nord, si trova in Bielorussia a poche miglia da Kiev. Da allora, circa 100.000 uomini sono stati raggruppati lungo il confine ucraino in territorio russo per attaccare l’Ucraina da est, così come dall’Ucraina meridionale, in Crimea e nel Mar Nero. In generale, la maggior parte dei valutatori concorda sul fatto che la situazione sia molto grave, ha affermato.

Jacob Hidenscu è analista del Center for Eastern European Studies del Foreign Policy Institute.  Foto: Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa

Jacob Hidenscu è analista del Center for Eastern European Studies del Foreign Policy Institute. Foto: Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa

La Svezia non può passare sotto il radar

Jacob Hidenskoog afferma che un possibile attacco armato russo all’Ucraina è incredibile. Ma non crede che ci sia un pericolo imminente di grandi guerre in Europa.

– Penso che tutte le parti vogliano evitare una grande guerra, ma alcune forme di attacco armato sono incredibili e possono di per sé portare a varie conseguenze difficili da vedere oggi. La Russia agisce anche in modo provocatorio contro paesi come Svezia e Finlandia. Di recente, come questa settimana, le navi russe sono state vicino allo Jutland, e se ci fosse una grande guerra in Europa, il Mar Baltico non sarebbe un luogo pacifico, indipendentemente dal fatto che Svezia e Finlandia aderiscano alla NATO o meno, dice.

Bar Gustafsson concorda anche sul fatto che la Svezia avrebbe difficoltà a passare sotto il radar in una situazione del genere. Questa settimana la Svezia ha anche aumentato la sua presenza militare nel Mar Baltico e nello Jutland.

Quali segnali possono dare alla Russia che ora abbiamo più esercito nella regione?

Soprattutto, dà segnali che siamo un Paese sovrano che vuole difendersi. Se la guardi dal punto di vista russo, la Svezia è considerata un’amica della NATO. Quindi non possiamo renderci invisibili in alcun modo non rispondendo, quindi sottoporsi al radar non è un’opzione, afferma Pär Gustafsson.

Per saperne di più: Il capo delle operazioni delle forze armate svedesi Michael Claesson sulla preparazione intensiva

Per saperne di più: USA: la Russia potrebbe usare false flag per giustificare la guerra

Vuoi saperne di più su come funziona GP con un buon giornalismo? Leggi il nostro Codice Etico qui.

READ  Karen Erickson: la crisi politica di Biden sta crescendo