TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La vita dei rifugiati non dovrebbe essere nelle mani di Erdogan

Gli immigrati in Texas non sono le ultime vittime delle nostre politiche disumane

Pagina di apertura di Aftonbladet Indipendentemente un socialdemocratico.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Sono stati trovati su una strada remota in Texas. Un lavoratore ha sentito un grido di aiuto e ha guardato attraverso la porta di un rimorchio di un camion abbandonato. Quando ha chiamato i soccorsi, 48 persone sono state trovate morte nel magazzino. Si ritiene che alcuni di loro abbiano meno di 18 anni. Un’altra persona è stata trovata morta a pochi passi dal camion e altre due sono morte in ospedale.

Gli immigrati provenivano da Messico, Honduras e Guatemala. Non c’erano tracce d’acqua nel camion. Un esperto dice alla CNN che la temperatura può superare i 50 gradi Celsius se le porte sono chiuse. Nessun calore viene rilasciato dallo spazio isolato.

tante tragedie

Non è la prima volta che i migranti muoiono in cerca di una vita migliore.

Solo quest’anno, 290 persone sono morte nel tentativo di attraversare il confine dal Messico agli Stati Uniti. L’anno scorso, il numero è sceso a 650 persone. Tragedie simili si verificano anche in Europa.

Entro il 2015, 71 rifugiati e migranti provenienti da Iraq, Siria e Afghanistan sono stati trovati morti in un camion in Austria. Sono stati strangolati a morte. Uno di loro era solo un neonato.

accordo con il dittatore

Oggi, secondo le Nazioni Unite, più di 100 milioni di persone sono in libertà. Ciò rappresenta più dell’uno per cento della popolazione mondiale. E probabilmente ce ne saranno altri con l’aggravarsi della crisi climatica.

READ  Abbiamo cinque anni per salvare l'Amazzonia

Nonostante ciò, non abbiamo ancora un piano sostenibile per affrontare l’immigrazione.

Dopo la crisi dei rifugiati nel 2015, l’Unione Europea ha firmato un accordo con la dittatura tacchino. Il presidente Erdogan ha accettato di fermare i migranti in viaggio verso la Grecia in cambio di miliardi di euro e di viaggiare senza visto nell’Unione europea per i cittadini turchi. Coloro che comunque sono riusciti a raggiungere la Grecia potrebbero essere rimandati in Turchia.

Da allora, Erdogan ha utilizzato l’accordo per tentare di ricattare l’UE: fate come ci pare o rilasceremo quattro milioni di rifugiati oltre confine.

Ricorda Alan Kurdi

Nessuno che ha visto la foto di Alan Kurdi sulla spiaggia può dimenticarlo. Il bambino siriano di due anni è annegato mentre cercava di raggiungere l’Europa con i genitori su un gommone. La sua immagine è diventata un simbolo delle tragedie della crisi dei rifugiati nel 2015. Quell’anno, 3.500 persone sono morte nel tentativo di fuggire in Europa.

Non deve succedere di nuovo.

Dobbiamo accogliere le persone in fuga e offrire loro rotte sicure verso l’Europa e l’Occidente. Ognuno deve avere le proprie ragioni per l’asilo individualmente e un processo equo. Le tragedie devono finire.

Non una sola persona dovrebbe morire in un camion sovraffollato.

Come ha reagito alla notizia degli immigrati in Texas? Cosa possiamo fare per evitare simili tragedie in futuro? La chat dal vivo si apre alle 9:00 ma puoi fare domande ora.

Ricorda di mantenere un buon tono di voce.

Non ci sono ancora lavori.