TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La frusta difficilmente scoraggia Putin – e ora arriva la carota”

Quando la Russia ei paesi della NATO si sono incontrati a Bruxelles per i colloqui, le aspettative erano basse, se non pari a zero. Sulla carta, il viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko era a Bruxelles per presentare l’elenco delle richieste della Russia, le cosiddette garanzie di sicurezza che la Russia ha dato poco prima di Natale.

Tra i punti ci sono le richieste per la sospensione di nuovi membri della NATO e il ritiro delle forze della NATO dall’Europa centrale e orientale. La situazione urgente ruota attorno all’Ucraina, che però non ha molto da dire al riguardo. La Russia vuole impedire all’Ucraina di avvicinarsi troppo alla NATO e all’Unione Europea, ma vuole anche impedire qualcosa di più grande: un nuovo sistema di sicurezza in cui la Russia possa controllare la sua sfera di interesse.

Requisiti irraggiungibili

La lista dei desideri di Natale del Cremlino è enorme, ma ovviamente Mosca sa anche che le richieste sono del tutto inaccettabili da parte della NATO. I due motivi più ovvi per fare questo elenco irraggiungibile sono:

La Russia chiede di sapere che rifiuterà di affermare di aver tentato invano la diplomazia quando procederà con metodi più spietati.

Certo, le richieste sono ciò che la Russia vuole, ma non sono ciò che la Russia pensa di poter ottenere. Come strategia di negoziazione, è saggio iniziare con richieste elevate e poi scendere a compromessi.

Una combinazione dei due.

I paesi occidentali stanno attualmente attraversando un atto di equilibrio molto delicato quando cercano di disarmare la situazione attraverso i canali diplomatici. Molti osservatori restano scettici sul grande attacco russo all’Ucraina. Ma il prezzo potenziale del gioco d’azzardo – che la Russia sta semplicemente ingannando – è spaventosamente alto. Particolarmente alto per l’Ucraina, ovviamente.

READ  Caos nelle strade all'apertura della Norvegia: "Pericoloso"

Secondo gli esperti, la possibilità che la NATO interferisca direttamente con le forze armate per aiutare l’Ucraina in un attacco russo è così piccola da poter essere definita inesistente. Anche la Russia lo sa bene. Pertanto, gli strumenti che i paesi occidentali hanno per influenzare le azioni della Russia sono la deterrenza, le concessioni, le fruste e la carota.

cercando di scoraggiare

Alcuni degli attuali deterrenti sono noti:

  • Le banche russe tagliate fuori dai sistemi finanziari internazionali.
  • Sanzioni economiche più dure contro le autorità russe, forse lo stesso presidente Putin. Possibili azioni contro le imprese coinvolte nel gasdotto Nord Stream 2.
  • Divieto di tecnologia di fabbricazione americana.
  • Sostieni le forze ucraine e ucraine sotto forma di armi e attrezzature per difendersi meglio.
  • Rafforzare la presenza militare della NATO negli Stati membri vicino alla Russia.

L’unico problema è che quanto sopra, secondo gli osservatori, non è sufficiente a scoraggiare la Russia. Ecco perché i paesi occidentali stanno iniziando a scegliere le carote. Le concessioni alla Russia potrebbero essere state violate, ma una qualche forma di compromesso sta diventando sempre più probabile nella speranza di ridimensionamento.

La Russia non otterrà le “garanzie di sicurezza” di cui ha bisogno, ma ci sono alcuni passi reciproci che la NATO sembra disposta ad offrire.

  • Aumentare la trasparenza nelle esercitazioni militari.
  • Disarmo in qualche modo, comprese le restrizioni sul numero di bot schierati.
  • Migliore comunicazione, civile e militare.

Confini per entrambi i lati

La Russia ha rifiutato categoricamente e ha sottolineato che non c’era nemmeno nulla da fare fino a quando i paesi occidentali non hanno presentato qualcosa per iscritto e risposto alle richieste russe. La porta non è stata ancora del tutto chiusa, ma al momento non è chiaro se un accordo sia possibile. I negoziati richiederanno la volontà di scendere a compromessi, ma ci sono anche dei limiti a ciò che ciascuna parte può accettare.

READ  Assassinio del presidente haitiano: tra gli indagati politici, preti e un uomo d'affari

L’amara verità per i diplomatici è che – in fondo – c’è un limite a quanto il mondo esterno può influenzare le azioni della Russia. Finora, la valutazione è che si dovrebbe provare.

La domanda è per quanto tempo.