TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La donna accusata: Come se fosse stata tagliata fuori

Non capisco come si possa pensare che sia bello vivere così, morendo uno ad uno, dice la donna con le lacrime nella voce.

È seduta al centro dell’aula, con il viso rivolto verso il giudice e i giudici. Questo è il secondo giorno di trattative sul caso in quanto la donna è la prima in Svezia ad essere perseguita per crimini di guerra utilizzando bambini soldato.

Comincia a parlare un po’ con cautela della sua vita, ma gradualmente la sua voce diventa più forte e sicura di sé. Descrive come sono cresciuto in una famiglia cristiana nella Svezia occidentale. Quando ha incontrato il suo futuro marito negli anni ’90, si è convertita all’Islam.

Secondo i pubblici ministeri, il marito avrebbe poi predicato in una moschea nota per il suo messaggio estremista e gestiva un sito web che esprimeva opinioni islamiche violente.

– Non ho sentito questo e non so di cosa parlasse nella moschea La donna dice dei sermoni.

“non proibito”

La donna è ora accusata di aver commesso un grave crimine di guerra e una grave violazione del diritto internazionale attraverso l’utilizzo di un bambino soldato. Il delitto deve essere avvenuto dal 2013, quando il figlio aveva 12 anni, fino a quando ne ha compiuti 15 nel 2016. Il ragazzo è stato ucciso l’anno successivo.

I pubblici ministeri affermano che la donna, in accordo con altri, si è assicurata l’utilizzo del figlio da parte di gruppi armati, compreso il gruppo dello Stato islamico. Secondo l’accusa, la madre, che si occupava ad esempio delle cure quotidiane del ragazzo, gli faceva maneggiare e riporre le armi nella casa comune e gli permetteva di uscire di casa affinché potesse svolgere le sue funzioni di bambino soldato. In nessun momento una donna dovrebbe tentare di impedire che un ragazzo venga usato come soldato.

READ  Tagikistan - Il paese che nacque quando morì l'Unione Sovietica - Studio One

casa cercata

La donna nega il crimine e dice di essere stata ingannata in Siria. Nel 2013 ha vissuto con i suoi figli in Egitto. Suo marito, che è anche il padre dei bambini, era in Turchia e voleva che la famiglia venisse lì. Una volta lì, il marito non è nei paraggi, ma vengono prelevati all’aeroporto da un altro uomo che li accompagna da lui. Poi il marito dice che sono stati di fatto trasferiti in Siria.

– All’inizio ero scioccato, poi arrabbiato, triste e arrabbiato, e ho iniziato a chiedermi. Ma era molto freddo, e non doveva. Era come parlare a un muro, dice la donna.

Spiega che non ha lasciato la Siria, tra le altre cose, che suo figlio e suo fratello maggiore vogliono restare e che non può lasciarli.

La difesa ha messo in dubbio che la donna avrebbe dovuto consentire di reclutare suo figlio o che gli avrebbe permesso di maneggiare armi nella loro casa. Invece, avrebbe dovuto opporsi.

“mezzo umano”

Quando la donna descrive come si sente come donna e madre in Siria, scoppia in lacrime. Afferma di aver cercato invano di impedire a suo figlio adolescente di uscire.

– Non è possibile controllare come pensi. Anche qui in Svezia – se un adolescente non vuole ascoltare i suoi genitori, puoi mettergli le manette e legarli? No, non puoi, dice.

Descrive anche come gli uomini hanno giudicato lei e la famiglia, prima suo marito e dopo la sua morte nell’agosto 2013, suo figlio maggiore, il fratello maggiore del ragazzo.

– Era come tagliare un’ala, liberarsi di braccia e gambe.

Da donna adulta, improvvisamente non potevi fare quello che hai sempre fatto o controllare i tuoi figli. È terribile, sono diventata una mezza umana, continua.

READ  Quattro iraniani sospettati di piani di rapimento

Fatti: crimini di guerra e bambini soldato

La donna di 49 anni è accusata di aver commesso un grave crimine di guerra e di aver violato il diritto internazionale, che è un reato grave. Entrambe le classificazioni penali si applicano allo stesso atto. Quella che in precedenza era chiamata violazione del diritto internazionale è diventata un crimine di guerra modificando la legge nel 2014.

Secondo l’accusa, il reato è stato commesso utilizzando un bambino come soldato. Vi è un divieto assoluto all’uso di bambini di età inferiore ai 15 anni per prendere parte direttamente alle ostilità durante i conflitti armati.

Non solo l’uso dei bambini in combattimento è un reato penale, ma si possono fare riferimento anche ad altre azioni legate alla guerra. Potrebbe trattarsi di usare i bambini per spiare, monitorare o spostare le cose.

Fonte: Procura della Repubblica