TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il collegamento svedese a Fis: cambia il limite del freddo

Il 25 novembre si riparte: la Coppa del Mondo di Sci di Fondo. Come al solito, la Ruka finlandese è la prima tappa, un luogo dove il primo tempo dell’anno non sembra essere più freddo di una decina di gradi sotto zero. D’altra parte, l’anno scorso molti ciclisti hanno imparato nello stesso punto in cui si trovava la loro soglia dell’herpes labiale.

Con una temperatura di 19 gradi Celsius, sono stati in totale 17 uomini e 13 donne che si sono astenuti dall’iniziare l’inseguimento finale rispettivamente di 15 e 10 chilometri. Le regole dicono che la competizione deve essere fissata a meno 20 gradi, ma ora si sta alzando il voto che il limite del freddo dovrebbe essere cambiato.

Perché la situazione attuale è irragionevole, crede Anders Bystrom.

– No, penso che dovrebbe essere più alto, cioè più caldo. 20 meno è davvero fantastico. Questo è importante per la salute, assorbire a lungo questo freddo non fa bene, dice il direttore della nazionale svedese.

Anders Bystrom non pensa che la Coppa del Mondo debba essere giocata quando ci sono 20 gradi Celsius.

Foto: Joanna Whalen/Bildeberan

Se lo stesso Bystrom avesse dovuto decidere, avrebbe fissato il limite del freddo tra meno 15 e 17 gradi.

– ma i medici dicono che deve essere più alto perché stai inalando molta aria fredda, aggiunge.

Oltre ai bronchi Non ne risente minimamente Coppa Visma Ski Classics Long Distancecon un limite di meno 25 gradi, ha dimostrato che il freddo estremo può anche portare a lesioni da freddo come vesciche e danni permanenti ai tessuti.

Vale la pena notare che la specialista di sprint Emma Rebohm crede:

– Penso che dovrebbe essere preso sul serio. Correre con una temperatura inferiore a 20- non sempre molto salutare a dire il vero.

Lei continua:

– Basta guardare il congelamento che hanno sofferto gli sciatori di lunga distanza alcuni anni fa, e come si logora sulle nostre trachee, tra le altre cose. Deve essere preso sul serio.

Emma Rebohm dice:

Foto: Joanna Whalen/Bildeberan

Un’altra persona che concorda sul fatto che il vantaggio dovrebbe essere rivisto è Jens Burman, anche se il suo principale cruccio riguarda più il modo in cui viene applicato.

– Meno 20 senza vento funzionerà comunque, ma puoi ovviamente alzare il limite, dice il 28enne e aggiunge con fermezza:

– Ma se hai un limite freddo, questo dovrebbe essere il limite che si applica.

Durante le Olimpiadi invernali di Pechino All’inizio dell’anno, l’organizzatore della gara ha giudicato troppo freddo per completare le ultime cinque miglia, ma invece di annullarle, la distanza è stata ridotta a tre miglia.

Jens Bormann e altri membri della squadra svedese di sci di fondo ritengono che il limite del freddo debba essere modificato.  Accorciare le gare, come nelle cinque miglia olimpiche, non è un'opzione.

Foto: Vegard Grott/Bildbyrån

Una decisione che non è stata apprezzata dai piloti, in particolare da Jens Burman.

– Se fa troppo freddo, non dovresti accorciare la corsa e pensare che andrà meglio. Imposta o mantieni la distanza che devi percorrere.

Non ha senso avere un intermediario. Se ci sei, ci sei. Non è più bello guidare per cinque miglia, continua, piuttosto che guidare per tre miglia.

Anders Byström ritiene, tuttavia, che la Fis abbia ascoltato le opinioni dei pattinatori in merito alla decisione presa alle Olimpiadi.

– Penso che tu abbia imparato qualcosa da lui, perché non era molto bravo. Tutti hanno criticato come è andata a finire. Ma è più difficile alle Olimpiadi dove comunque la competizione non può essere spostata. Dice che non sono preoccupato per la Coppa del Mondo.

READ  Quebec Nordic può tornare - dopo 26 anni