TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Volkswagens VD: ”Ett stort misstag”

Il CEO di Volkswagen: “Grande errore”

Thomas Schäffer ha assunto la carica di CEO di Volkswagen il 1° luglio di quest’anno. Ora sta parlando del futuro del marchio e delle sfide imminenti.

Abbiamo partecipato al Los Angeles Auto Show e durante il nostro soggiorno abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Thomas Schäfer, amministratore delegato di Volkswagen relativamente appena nominato.

Oltre ad assumere il ruolo di CEO del marchio, Schäfer farà anche parte del management del gruppo responsabile della parte relativa ai volumi.

Thomas Schäfer ha una vasta esperienza nel settore automobilistico ed è entrato a far parte del Gruppo Volkswagen nel 2012. Prima della sua posizione attuale, è stato presidente del consiglio di amministrazione di Škoda.

Il CEO di Volkswagen Thomas Schäffer (a sinistra) e il giornalista Joel Sandberg (a destra). (Foto: Elias Midelberg)

Abbiamo posto due domande sui piani futuri di Volkswagen e sulle sfide future.

Ingresso di marchi cinesi

Una delle questioni sollevate riguardava l’ingresso di marchi cinesi nel mercato europeo.

Schaeffer crede di non aver paura della creazione di auto elettriche cinesi in Europa. Dice in modo un po’ vago che c’è molto da imparare sia per i marchi nuovi che per quelli consolidati, ma allo stesso tempo accoglie con favore la concorrenza.

Dice che “sfida accettata” e spiega che motiva la Volkswagen a realizzare prodotti migliori.

Nove ET7 sono in viaggio
La casa automobilistica Nio è un marchio relativamente giovane. (foto: nove)

Vendita di auto elettriche in diverse regioni del mondo

Entriamo nelle differenze nelle vendite di veicoli elettrici in diverse parti del mondo.

Le vendite di veicoli elettrici sembrano molto diverse se si confrontano diversi paesi. In Cina le auto elettriche vanno a ruba e in alcune parti dell’Africa sono quasi inesistenti.

Thomas Schaeffer sottolinea che questa è una sfida. Fornisce un esempio di come alcune regioni in Europa siano relativamente lente nell’adattarsi alle auto elettriche.

READ  Settimana Laudato si - Un nuovo modo di vivere in risposta al grido della terra

A breve termine, la società decise che Skoda si sarebbe concentrata sui motori a combustione interna e Volkswagen avrebbe assunto lo sviluppo di nuove piattaforme.

Suv Volkswagen
La Volkswagen ID.6 è uno dei tanti SUV che non offriamo sul mercato svedese. (Foto: Volkswagen)

Shafer sottolinea che le cose accadono continuamente e crede fermamente che “funzioneranno” a lungo termine.

Cita l’Africa come esempio in cui le condizioni per l’estrazione di energia sono straordinariamente buone ed è del tutto possibile passare con successo alle auto elettriche.

Nome dell’identificatore e nomi delle icone

Passiamo alla domanda successiva, che riguarda il nome identificativo che rappresenta le auto completamente elettriche di Volkswagen.

Mi chiedo se i nomi identificativi sostituiranno quelli tradizionali, come Golf e Passat, che hanno un significato storico e hanno un marchio forte.

Schaefer ritiene che ID sia già un marchio consolidato che differenzia l’elettrificazione. Dice che il marchio farebbe un “grosso errore” se eliminasse nomi iconici come Golf e GTi.

Volkswagen Golf GTE anteriore
La Volkswagen Golf continuerà a vivere (Foto: Volkswagen)

Aggiunge che non tutti i nomi continueranno in futuro, ma i nomi conosciuti a livello globale rimarranno in futuro, anche le auto elettriche.

Ciò significa che in futuro vedremo una Golf elettrica e possibilmente GTI elettriche ad alte prestazioni.

concorrenza all’interno del gruppo

Un’altra domanda sollevata su come la Volkswagen compete all’interno del gruppo.

Il marchio ha annunciato che la Skoda Superb sarà sviluppata insieme alla Volkswagen Passat.

Schäfer sottolinea che la Volkswagen è l’unico marchio globale. Cupra e Seat sono molto concentrate sull’Europa e Škoda è popolare nell’Europa orientale e in India.

Skoda Karoq di profilo con turbina eolica
Skoda dovrebbe essere più funzionale. (Foto: Skoda)

Crede che i marchi debbano essere posizionati individualmente. Marchi diversi hanno gruppi target diversi con Škoda che è più efficace e Cupra che si concentra su design e sensazione. Volkswagen al centro.

Allo stesso tempo, Schafer esprime, i progetti che possono collaborare dovrebbero farlo. Pensa che l’importo che l’azienda può risparmiare sia “spaventoso”. Il gruppo ha scommesso che le idee copiabili (tra Škoda, Seat e Volkswagen) sarebbero state premiate e salvate.

READ  Il colosso finlandese della consulenza investe nella start-up svedese Edge

Ciò ha comportato un risparmio di “220 milioni di euro”, ovvero circa 2,4 miliardi di corone, solo quest’anno. Ciò potrebbe significare, ad esempio, che i produttori condividono dettagli tecnici, come il modo in cui è inserito il parabrezza.

Quale sviluppo è il più odiato

Faccio una domanda sullo sviluppo tecnologico che odia di più in relazione alle auto elettriche.

Thomas Schäffer dà una risposta leggermente inaspettata. Dice che non gli piace investire in alternative non elettriche alle autovetture.

Afferma che alternative come celle a combustibile e combustibili sintetici “confondono tutti”.

La Toyota Mirai è un esempio di veicolo a celle a combustibile. (foto: Toyota)

In altre parole, c’è solo un investimento per Schäfer e Volkswagen: il passaggio a veicoli completamente elettrici.

Sottolinea che non esiste alcun sostituto per batterie ed elettricità. È il modo più efficiente dal punto di vista energetico per convertire l’energia in una fonte di energia.