TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I ricercatori potrebbero aver trovato un nuovo biomarcatore per il covid-19

immagine:

Titolo:

Anders Lindén, medico senior e professore presso l’Istituto di medicina ambientale del Karolinska Institutet. Foto: privato

– Sappiamo già che IL-26 è coinvolto nella mobilitazione delle cellule immunitarie che combattono le infezioni batteriche nei polmoni, ma anche nelle malattie respiratorie croniche negli esseri umani. Inoltre, IL-26 ha effetti antivirali e antibatterici, dice Anders Lindencapo medico e professore V.I Istituto di Medicina Ambientale al Karolinska Institutet e recente autore dello studio.

Per comprendere il coinvolgimento della molecola nel covid-19, sono stati reclutati 49 pazienti ricoverati in ospedale con infezione da SARS-CoV-2, 44 dei quali presentavano sintomi gravi e dovevano essere trattati con ossigeno. I pazienti sono stati ricoverati a Stoccolma da giugno 2020 a gennaio 2021.

Allo stesso tempo, nello stesso periodo è stato reclutato un gruppo di controllo di 27 individui sani. Quindi sono stati misurati i livelli di IL-26 e di altre sostanze infiammatorie nel sangue.

– Possiamo dimostrare per la prima volta che i livelli della citochina IL-26 sono significativamente elevati nel sangue dei pazienti con covid-19, rispetto ai soggetti sani di controllo, afferma Eduardo Cárdenas.

indica un potenziale biomarcatore

I ricercatori sono stati anche in grado di vedere che l’aumento era correlato a una cosiddetta tempesta di citochine, una risposta infiammatoria pericolosa ed esagerata che caratterizza i casi gravi di COVID-19.

“La nostra scoperta mostra un potenziale biomarcatore per il covid-19 grave, ma dati gli effetti antivirali dell’IL-26, potremmo anche aver mostrato un nuovo bersaglio per il trattamento”, afferma Anders Lindén.

I risultati sono promettenti, ma preliminari e giustificano ulteriori studi su materiale paziente più ampio, secondo Eduardo Cárdenas.

READ  Gli esami del sangue mostrano se una persona con sindrome di Down ha il morbo di Alzheimer

Questo studio è in corso e potrebbe fornire maggiori informazioni sul beneficio clinico della misurazione dell’IL-26 nei pazienti COVID, ad esempio se i livelli riflettono la gravità della malattia.

Lo studio è stato finanziato dallo Swedish Research Council e dalla Heart-Lung Foundation.

Editoria

L’aumento di IL26 è associato a marcatori di eccessiva infiammazione e danno tissutale nei pazienti gravi con COVID19Cardenas, Eduardo I. Cardenas, Sandra Eckstedt, Krzysztof Berciala, Marian Pietro, Agneta Carlsson, Osa Cojedal, Susana Komelin Gorlen, Lars-Olav Kardel, Anders Linden, Frontiere in Immunologiaonline il 17 novembre 2022, doi: 10.3389/fimmu.2022.1016991