TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I kieviani celebrano la Pasqua ortodossa all’ombra della guerra

Il paracadutista ha avuto la fortuna di fare una vacanza a Pasqua, ma era pronto a tornare presto alla guerra contro la Russia.

Molti altri soldati ucraini rimangono al loro posto anche durante la più grande festa del Paese.

Dall’inizio dell’invasione, la Russia ha raggruppato le sue forze in preparazione per gli attacchi nell’Ucraina orientale e meridionale.

Domenica, quando una parte significativa della popolazione del paese celebra la Pasqua ortodossa, i kieviani si sono svegliati per il primo vero giorno di primavera.

La gente si godeva il caldo e il caffè nei caffè all’aperto. Molti cestini riempiti con la tradizionale torta pasquale e uova dipinte. Così come Maria Borovik e Stanislav Stovban.

In primo luogo, hanno fatto un viaggio a Majdan, Piazza Indipendenza, il centro della città, il centro della Rivoluzione arancione nel 2004 e delle proteste politiche del 2013-2014. Poi sono andati alla cattedrale di San Michele dalla cupola dorata.

Maria Borovik condivide il suo interesse per il paracadutismo con il suo ragazzo della stessa età.

– Mi piace saltare, ma non faccio parte delle forze armate, ma vivo a Kiev, dice.

Fortunatamente, è il 21° secolo, quindi possiamo chiamare, inviare messaggi di testo e talvolta effettuare videochiamate. A volte tutti i giorni, quasi ogni settimana. Dipende dalla situazione, a volte non so rispondere, dice Stanislav Stoofban, mentre in chiesa inizia il krill.

Chiesa di San Michele, a cui molti si sono recati nonostante gli avvertimenti delle autorità di riunirsi in grandi gruppi

Chiesa di San Michele, a cui molti si sono recati nonostante gli avvertimenti delle autorità di riunirsi in grandi gruppi

Fotografia: Alexander Mahmoud

Le autorità avevano avvertito I residenti si riuniscono nelle chiese per celebrare la Pasqua, nel caso venissero attaccati dalla Russia. Ciò era particolarmente vero per le chiese affiliate alla Chiesa ortodossa russa. Secondo la parte ucraina, si sospetta che le forze russe stessero pianificando di sparare a queste chiese e poi incolpare l’Ucraina per gli attacchi.

Tuttavia, fin dalle prime ore del mattino a Kiev, persone si sono radunate fuori da chiese di ogni tipo.

foto 1 da 2
Il padre è romano in un’altra chiesa chiamata anche San Michele. In chiesa parla ogni giorno di guerra, dice

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 2 da 2
Fuori dalla chiesa di San Michele a Kiev, dove domenica sono venuti in visita molti di lingua russa.

Fotografia: Alexander Mahmoud


Padre Roman guida i lavori su un’altra chiesa a Kiev chiamata St. Michael’s Church, dove molti visitatori parlano russo piuttosto che ucraino.

Dice sotto il sole dopo la messa che un anno normale è solitamente affollato di persone in chiesa. L’anno scorso, durante la pandemia, c’erano più visitatori di adesso. Ma la gente non sembra aver ascoltato gli avvertimenti delle autorità, perché a metà giornata diversi gruppi parlano fuori dalla chiesa.

Non hanno paura?

Ciò che temono di più non è la morte su questa terra, ma piuttosto che finiranno nel posto sbagliato nella prossima vita, dice. Ecco perché vengono qui.

Come parli della guerra nella tua chiesa?

– Ogni giorno parlo di guerra. Abbiamo perso un uomo sulla ventina che mi ha aiutato in chiesa. È stato ucciso a Kharkiv tre giorni fa. È stato chiamato l’anno scorso. Oggi ho parlato molto in chiesa del suo lavoro. Sua madre e la sua ragazza erano qui, dice il pastore.

Come vedi la guerra?

– Che tutti si siedano al tavolo delle trattative e trovino una soluzione diplomatica. Altrimenti, più persone moriranno. Potrebbe finire in una guerra nucleare. In questa guerra non ci sono vincitori, solo vinti.

foto 1 da 2
Il centro di Kiev ha ricominciato ad riaprire, ma non ovunque.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 2 da 2
Sul muro della cattedrale di San Michele a Kiev ci sono i ritratti dei tanti caduti nei combattimenti nell’Ucraina orientale dal 2014.

Fotografia: Alexander Mahmoud


Per le strade di Kiev Ogni giorno arrivano sempre più auto. Il commercio è ricominciato. Irina Abramyan e suo marito Valerige sono seduti a Självstæighetstorget e vendono copie laminate di patenti di guida false per l’equivalente di 15 SEK.

foto 1 da 2
Irina Abramyan vende patenti di guida false. Un mucchio di patenti di guida che rappresentano Vladimir Putin.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 2 da 2
Una patente falsa in vendita in Piazza Indipendenza, nel centro di Kiev.

Fotografia: Alexander Mahmoud


Un pacchetto di patenti con l’immagine del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in cui sembra uno scolaro. Altre patenti di guida appartengono a famosi dittatori russi come Lenin, Stalin e, oggi, come presidente della Bielorussia Lukashenko.

Naturalmente, c’è anche un mucchio di patenti di guida di Vladimir Putin, che fa urlare Irina Abramyan:

Possiamo comprare la felicità, non la pace.

READ  Norvegia: il leader delle SS-Jonas Gahr Støre in testa alle elezioni parlamentari