TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli studi sulla cannabis sono rappresentati positivamente dai media indipendentemente dall’effetto del trattamento

immagine:

Titolo:

Philip Gedin è un ricercatore post-dottorato presso il Karolinska Institutet. Foto: Stefan Zimmermann.

Vediamo che gli studi sulla cannabis sono spesso descritti positivamente dai media, indipendentemente dai risultati degli studi. È un problema e può influenzare l’aspettativa di sollievo dal dolore nella terapia con cannabis. Dice che più effetti positivi dovrebbe avere un trattamento, maggiore è il potenziale danno che può essere tollerato Filippo GeidenBorsista postdottorato presso Dipartimento di Neuroscienze Clinichee Karolinska Institutet e primo autore dello studio.

Lo studio si basa su un’analisi di studi clinici pubblicati in cui la cannabis è stata confrontata con un placebo nel trattamento del dolore. La variazione dell’intensità del dolore prima e dopo il trattamento è stata la misura dell’esito primario dello studio.

L’analisi si applica agli studi pubblicati fino a settembre 2021. Sono stati inclusi un totale di 20 studi con circa 1.500 soggetti.

Nessuna differenza tra cannabis e placebo

I risultati hanno mostrato che l’intensità del dolore è diminuita significativamente dopo il trattamento con placebo, con un effetto da moderato a significativo. I ricercatori inoltre non hanno riscontrato alcuna differenza nella riduzione del dolore tra cannabis e placebo, il che è coerente con i risultati di un’altra meta-analisi pubblicata di recente.

– Esiste una risposta al placebo chiara e clinicamente rilevante negli studi sulla cannabis per il dolore, afferma Philip Gaiden.

I ricercatori del KI hanno anche indagato se, nei media e nella ricerca, esiste una relazione tra l’efficacia degli studi sulla cannabis nel trattamento e l’effetto che ottengono. L’influenza nei media è stata misurata utilizzando il cosiddetto Altmetrics, che è un metodo per valutare le menzioni nei media, nei blog e nei social media. L’impatto accademico è stato misurato come citazioni di altri ricercatori.

READ  Esperti: cheto è la dieta peggiore

L’analisi della copertura mediatica ha incluso un totale di 136 storie dai media e dai blog. La segnalazione è stata classificata come positiva, negativa o neutra, a seconda di come sono stati presentati i risultati sull’efficacia della cannabis nel trattamento del dolore.

Grande attenzione mediatica

Si scopre che gli studi sulla cannabis hanno ricevuto molta più attenzione da parte dei media rispetto ad altri studi pubblicati. L’effetto è stato significativo indipendentemente da quanto fosse alta la risposta al placebo e indipendentemente dall’effetto del trattamento con cannabis. I ricercatori inoltre non hanno visto alcuna connessione tra la proporzione di notizie formulate in modo positivo che lo studio ha ricevuto e l’effetto del trattamento con cannabis in quello studio.

I ricercatori affermano che poiché la ricerca ha combinato prove di vari design e qualità, i risultati dovrebbero essere interpretati con cautela.

La ricerca è stata finanziata dal Jubileumsfond della Riksbank. I ricercatori affermano che non ci sono potenziali conflitti di interesse.

Editoria

Risposta al placebo e interesse dei media negli studi clinici randomizzati che valutano le terapie a base di cannabis per il dolore: una revisione sistematica e una meta-analisi.Philippe Gaiden, Sebastien Plumé, Moa Pontine, Maria Laloney, Jens Faust, Andre Racket, Victor Wadenmark Lundquist, William H. Thompson e Karen Jensen, La rete JAMA è apertaonline il 28 novembre 2022, doi: 10.1001/Jamannetworkopen.2022.43848