TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati hanno fatto i primi passi verso il controllo della fotosintesi usando gli specchi



Con l’aiuto di specchi, distanti solo centinaia di nanometri, gli scienziati sono riusciti a sfruttare la luce in modo efficiente. Questa scoperta potrebbe essere utile per controllare i primi passi della fotosintesi. Qualcosa che alla fine potrebbe essere utilizzato per convertire l’anidride carbonica in carburante.

La luce solare che colpisce la nostra Terra per un’ora è quasi uguale al consumo totale di energia dell’umanità per un anno intero. Allo stesso tempo, le nostre emissioni globali di anidride carbonica stanno aumentando. Sfruttare l’energia del sole per catturare i gas serra e poi convertirli in carburante è un’area calda di ricerca. In uno studio precedente, un gruppo di ricerca di Lund è stato in grado di dimostrare che con l’aiuto di materiali avanzati e spettroscopia laser ultraveloce, i livelli di gas serra nell’atmosfera possono essere ridotti a lungo termine. E in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications, il team di ricerca di Lundaledda apre nuove strade quando si tratta di utilizzare la luce.

– Abbiamo inserito i cosiddetti collettori di antenne tra due specchi distanti solo poche centinaia di nanometri in un microgap ottico. Si potrebbe dire che catturiamo la luce che rimbalza avanti e indietro tra gli specchi in una sorta di cattività, afferma Tono Poleretz, ricercatore chimico presso l’Università di Lund.

Lo studio ha dimostrato che esiste una forte interazione tra i complessi di luce e antenna. Potrebbe creare anelli sull’acqua che potrebbero accelerare il processo di trasferimento di energia. Affinché un cosiddetto gruppo fotovoltaico funzioni in modo ottimale e venga utilizzato, ad esempio, per produrre combustibile, tutte le fasi del complesso processo devono essere altamente efficienti.

READ  Ubisoft chiuderà i servizi Internet per una serie di vecchi giochi a settembre

– Se riusciamo a muovere i primi passi nella fotosintesi in modo più rapido ed efficiente, speriamo anche di rendere più efficiente l’energia luminosa proveniente da altre unità, afferma Tönu Pullerits.

Quindi, come possono essere utili questi risultati? Tönu Pullerits spera che questa scoperta possa essere utilizzata in futuro per sviluppare unità più grandi che potrebbero essere utilizzate a livello globale per sfruttare il sole per assorbire l’anidride carbonica dall’atmosfera e convertirla in sostanze chimiche utili. Potrebbe essere una delle tante soluzioni per superare la crisi climatica che stiamo affrontando.

Ora abbiamo mosso i primi passi di un lungo viaggio. Si può dire che abbiamo individuato una direzione molto promettente, afferma Tono Pollerets.

Oltre all’Università di Lund, hanno partecipato allo studio le seguenti università e organizzazioni: Universidad Nacional Autónoma de México, Università di Göteborg, Università di Glasgow.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications: Dinamica fotoelettronica mediata dalla cavità in un aggregato fotosintetico di raccolta della luce 2

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:

Tono Pollerets, prof

Dipartimento di Chimica, Università di Lund

046222 81 31

0768 37 26 03

[email protected]

Comunicazione multimediale:

[email protected]

073027 58 90