TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Due percorsi equivalenti per la super immunità contro il covid-19

La ricerca ha dimostrato che la vaccinazione e le infezioni naturali danno tipi leggermente diversi di risposta immunitaria al virus che causa il covid-19.

I vaccini mRNA (vaccini Pfizer-Biontechs e Moderna) contengono un “grafico” di quella che viene chiamata proteina dell’unghia. Una proteina che un virus usa per entrare nelle cellule. Dopo la vaccinazione viene prodotta una proteina, alla quale l’organismo reagisce formando anticorpi e cellule immunitarie. D’altra parte, in un’infezione naturale, il corpo produce anticorpi e cellule immunitarie contro diverse proteine, che si trovano attorno all’intera particella virale.

Pertanto, secondo i ricercatori, un’infezione naturale dà una risposta immunitaria “più ampia”, rispetto alla vaccinazione. Si formano diversi tipi di anticorpi. D’altra parte, la risposta immunitaria dopo la vaccinazione diventa “più stretta”, ma d’altra parte è “più profonda” della risposta dopo un’infezione naturale, poiché si formano anticorpi più specifici. Se i due sono combinati, il risultato è una sorta di super-immunità.

Ma dà la migliore risposta immunitariaSe l’infezione naturale – o la vaccinazione – viene prima?

Per saperne di più, i ricercatori della Oregon Health & Science University negli Stati Uniti hanno reclutato 104 dipendenti universitari, tutti vaccinati con il vaccino covid-19 di Pfizer-Biontech. I partecipanti sono stati quindi divisi in tre gruppi: 42 vaccinati senza infezione, 31 vaccinati dopo l’infezione e 31 partecipanti con cosiddetta infezione penetrante, che sono stati vaccinati, ma sono stati comunque infettati.

Successivamente, i ricercatori hanno prelevato campioni di sangue da tutti i partecipanti e li hanno esposti a diversi tipi di sars-cov-2, il virus che causa il covid-19.

I risultati, ora presentati in Science Immunology, mostrano che i partecipanti con “immunità ibrida” (infezione + vaccino) hanno ricevuto una risposta immunitaria significativamente più forte rispetto a quelli che erano stati “solo” vaccinati. La quantità di anticorpi è aumentata di dieci volte.

READ  "La competenza più importante è la conoscenza del paziente da parte del medico"

Ma la classifica non ha giocato qualsiasi ruolo. Non importa se i partecipanti hanno ricevuto prima la vaccinazione o l’infezione. La risposta immunitaria è diventata comunque altrettanto forte.

Il rischio di un’infezione da penetrazione è alto, perché al momento abbiamo molti virus intorno a noi. Ma siamo in una posizione migliore se veniamo vaccinati, perché aumenta la probabilità di una malattia lieve, se il virus arriva, nello stesso momento in cui otteniamo quella superimmunità, afferma uno dei ricercatori dietro lo studio, Fikadu Tafesse, al diario.

Un altro motivo per la vaccinazione, affermano i ricercatori, è che la risposta immunitaria dopo un’infezione naturale varia ampiamente. Alcuni ottengono una buona risposta immunitaria, mentre altri ottengono una risposta significativamente peggiore.

Posso garantirvi che questa immunità varierà, poiché alcuni avranno un’immunità pari alla vaccinazione, mentre la maggior parte no. E non c’è modo, con le risorse di laboratorio attualmente disponibili, di sapere chi riceve cosa. Quindi la vaccinazione è il modo migliore per garantire una buona risposta immunitaria, afferma Bill Messier, un altro ricercatore dietro l’attuale studio.

Questo è anche il motivo per cui l’Agenzia svedese per la sanità pubblica raccomanda di non aspettare fino a quando non ti vaccina, indipendentemente dal fatto che si tratti della prima, della seconda o della terza dose, anche se hai avuto la malattia di recente. Non è noto quale sia la protezione dopo un’infezione naturale e perché si consiglia di assumere le dosi a intervalli prestabiliti, a condizione che non si manifestino sintomi.