TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Buonasera per raggiungere un nuovo accordo sul clima a Sharm El-Sheikh

A giudicare dal fatto che la situazione è stata descritta come ottimista e costruttiva in serata, è ora chiaro che le due parti hanno difficoltà a trovare un accordo su diversi punti dell’accordo. Secondo le ultime informazioni, la finale non dovrebbe iniziare prima delle 2 o delle 3 del mattino, ora dell’Egitto (l’Egitto è un’ora avanti rispetto alla Svezia).

Nel mezzo della notte, il tempo si è schiarito Il ministro dell’Ambiente Romina Pourmokhtari ha tenuto una breve conferenza stampa per riferire sulla situazione.

– Possiamo dire che coloro che vogliono aumentare il ritmo dell’eliminazione graduale dei combustibili fossili incontrano una resistenza più o meno stabile, il che, ovviamente, è uno sviluppo frustrante, dici.

Tutti i paesi hanno ora avuto l’opportunità di esprimere le proprie opinioni sulla proposta pendente per raggiungere un accordo, ma i negoziati sul documento finale sono ancora in corso. L’Unione Europea sta insistendo affinché le emissioni globali debbano diminuire entro il 2025 al più tardi, secondo il ministro del clima.

Ma questo è il linguaggio dell’eliminazione graduale Sono i combustibili fossili che creano grandi conflitti.

Dall’incontro sono pervenute informazioni secondo cui l’Arabia Saudita e la Russia considerano tutti i riferimenti ai combustibili fossili nel testo dell’accordo come una linea rossa. “È inaccettabile”, ha detto la Russia a fonti di Carbon Brief, “non possiamo peggiorare la situazione energetica”.

L’Iran vuole omettere la sezione energia dall’attuale bozza perché è “squilibrata”.

Secondo il Ministro del Clima e dell’Ambiente, la situazione geopolitica ha condizionato l’incontro.

– Resta da vedere quale sarà il documento finale, ma allo stato attuale dei negoziati non abbiamo assistito ad alcun deterioramento. E questo è un sollievo vista la situazione in cui stiamo iniziando, ma non siamo certo soddisfatti. Ciò su cui l’Unione Europea ha concordato è di espandere il nostro lavoro quando si tratta di emissioni fossili, ma non ci siamo ancora arrivati.

READ  Controversia sull'immigrazione tra Francia e Italia - Riunione di crisi a Bruxelles

L’UE avrebbe potuto incontrare prima i paesi in via di sviluppo per migliorare le possibilità di concludere un buon affare?

– Vorrei dire che in questi negoziati l’Unione europea è stata flessibile fin dall’inizio e ha mostrato la volontà di fare concessioni, e penso che questo non sia stato ottenuto in modo positivo, ma al contrario, è stato sfruttato da paesi che non lo fanno avere aspirazioni alte quanto noi. E penso che questo sia qualcosa a cui dovresti pensare prima della prossima COP, dice Romina Pourmokhtari.

L’Unione Europea considera problematico il testo di un programma di azione per ridurre le emissioni. Vogliono un programma d’azione a lungo termine, fino al 2030, più di altri Paesi.

In ogni caso, l’accordo sulla principale questione controversa della riunione sul clima: danni e perdite è pronto per essere esaminato nella sessione plenaria finale. Il testo contiene i soldi richiesti dai paesi poveri.

Bjorn-Ula Lehner, professore e ricercatore di politica climatica, pensa che la parte sui danni e le perdite sia la parte più incoraggiante.

– perché 130 paesi, La maggior parte dei paesi a basso e medio reddito ha chiesto che fosse negoziata e decisa in questa COP, e può essere di grande importanza per creare fiducia nei negoziati futuri e, in ultima analisi, contribuire alla costruzione della pace. Ma potrebbe anche avere un impatto sulla volontà dei paesi di ridurre le emissioni, ora che sono state associate alle perdite e ai danni che causano, dice.

Bjorn Ula Liner.

Foto: Jannike Kihlberg

L’Unione europea ha accettato di modificare il progetto di risarcimento danni e perdite. Il testo afferma che la priorità dovrebbe essere data ai “paesi particolarmente vulnerabili” tra i destinatari degli aiuti del nuovo Fondo danni e perdite.

Lo sfondo è che l’UE non vuole che il fondo sia utilizzabile da ricchi paesi in via di sviluppo come Qatar, Kuwait e Arabia Saudita (la definizione di paese in via di sviluppo non è cambiata dal 1992, quando fu firmato l’accordo Onu sul clima).

La cosa più importante per l’Unione europea sono i soldi Alla fine con i più vulnerabili, la Svezia ha preso il comando lì per spingersi un po’ oltre. Siamo stati davvero in grado di farcela, quindi sono molto contento di ciò che è sul tavolo ora per infortuni e sconfitte. Poiché la forma stessa della scatola che pensiamo sia ancora problematica per lo scopo stesso, dice Romina Pourmokhtari, potrebbe non risultare come previsto.

Matthias Friedahl, ricercatore di politica climatica presso l’Università di Linköping e osservatore dei negoziati, lamenta che la letteratura sull’eliminazione graduale dei sussidi al carbone e ai combustibili fossili non si è consolidata dall’accordo di Glasgow dello scorso anno.

– La trascrizione da Glasgow è ferma. Dice che dobbiamo andare avanti.

Tuttavia, c’è un punto luminoso nel testo dell’accordo relativo al dialogo sui flussi finanziari (2.1c), afferma Matthias Friedal. I flussi finanziari sono ciò che l’UE regola nella classificazione, che è un sistema per incoraggiare gli investimenti verdi.

– Finora si è parlato molto di finanziamenti per il clima e meno di flussi finanziari. Ma se arriviamo a questo, molte cose stanno accadendo nel nostro sistema energetico. Il cambiamento inizia sul serio quando iniziamo a investire nelle cose giuste e smettiamo di fare investimenti dannosi per il clima nell’industria dei combustibili fossili. Se lo metti all’ordine del giorno, possono iniziare a succedere cose entusiasmanti, afferma Matthias Friedahl.