TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Avvertimento del ritorno della politica industriale fallita.

Dalla crisi finanziaria del 2008, il mondo occidentale si è rivolto dall’alto verso il basso verso l’innovazione e la politica industriale, rafforzata dai pacchetti di salvataggio durante la pandemia e ora anche dall’invasione russa dell’Ucraina. È perfettamente normale che le emergenze finanziarie giustifichino iniziative, ma è ormai evidente il rischio che le iniziative temporanee diventino permanenti sotto forma di sostegno commerciale e industriale mirato con effetti negativi a lungo termine sulla società.

Il ritorno della grande politica industriale è avvenuto senza un vero dibattito, ed è tempo di alzare le bandiere di allerta.

Nel nuovo libro Lo scetticismo nei confronti dello Stato imprenditoriale da parte di 30 importanti ricercatori internazionali mostra che il supporto scientifico alla politica industriale su larga scala è debole. Rischia di distorcere la sana concorrenza dell’economia, una forma di sostegno alle imprese dissimulato che ricorda gli anni ’70.

Le idee alla base del ritorno della politica industriale sono in gran parte ispirate dal libro della professoressa italo-americana Mariana Mazzucato The Pioneering State. Attraverso un dibattito efficace ma ampiamente diffuso, ha affermato che lo stato è stato la principale forza trainante dell’innovazione e dello sviluppo tecnologico.

Da allora, Matzucato ha lavorato da solo come consulente sia per la Commissione Europea che per i governi di tutto il mondo. Anche se è stato sbagliato assegnare una grande influenza all’individuo, è stato chiaramente una forza trainante nel passaggio a una politica industriale proattiva.

Non avvantaggia l’innovazione di cui la società ha bisogno e comporta rischi di pressione e posizionamento piuttosto che di innovazione.

Il dono verde dell’Unione Europea, con un budget di 1 trilione di euro, fa parte di questa trasformazione. L’idea è che l’economia dovrebbe essere organizzata attorno a diverse “missioni” (missioni), tentativi su larga scala di risolvere i problemi della società in cui lo stato prende l’iniziativa e dirige la strada da seguire. Le istituzioni economiche e accademiche sono quindi coinvolte nello sviluppo di soluzioni pratiche.

READ  Allerte distrettuali: calo dell'interesse per la vaccinazione tra i giovani

Invece di affrontare problemi strutturali A causa dello sviluppo della bassa produttività, dell’elevata disoccupazione e della mancanza di investimenti comunitari nelle infrastrutture necessarie, sempre più denaro viene investito in progetti specifici in cui le grandi aziende e partner selezionati vengono selezionati manualmente.

Lo “scettico sullo stato imprenditoriale” rende problematica l’idea alla base della regolamentazione dell’economia attorno a tali “appuntamenti”. A prima vista, l’idea sembra allettante. Allo stesso modo in cui l’obiettivo di mettere gli esseri umani sulla luna potrebbe mobilitare l’intera economia, è interessante vedere tali compiti come un modo per affrontare i principali problemi della società come il riscaldamento globale.

Tuttavia, l’attuazione pratica di tale innovazione e delle politiche industriali pone sfide significative. La storia è piena di grandi piani e programmi politici che hanno avuto conseguenze indesiderate, a volte completamente opposte, a volte disastrose.

In Svezia, ad esempio, è stato incoraggiato La bolla dell’etanolo nei primi anni 2000. È degenerato in motori malfunzionanti e truffe di corruzione nelle imprese municipali. Quasi in parallelo, i comuni hanno iniziato a fare ingenti investimenti nel biogas che si sono conclusi con svalutazioni di valore, debiti per miliardi con i comuni e assenza di sviluppo sostenibile. Il disastro di Gubegas a Göteborg è costato ai contribuenti del comune 2 miliardi di corone svedesi.

Un rapporto di Tillväxtanalys mostra che i “programmi di innovazione strategica” svedesi avvantaggiano principalmente le grandi aziende e le università più grandi, il che è esattamente ciò che ci si può aspettare quando si coordinano grandi iniziative comunitarie. Non favorisce l’innovazione e la trasformazione di cui la società ha bisogno e comporta rischi di pressione e posizionamento piuttosto che di innovazione.

READ  Permessi Corona per eventi sostenuti dal governo: le decisioni possono essere prese giovedì

Cosa possiamo imparare? Chi sono questi esempi?

Formulare correttamente i “compiti” è in realtà un compito impossibile. L’inizio della bolla dell’etanolo può essere fatto risalire a una direttiva dell’UE del 2003 sull’aumento della percentuale di biocarburanti. Una volta che l’immagine target è stata formulata, sarà interpretata e tradotta in una politica attuabile dai vari gruppi di interesse. Nel caso delle auto a etanolo, interessi speciali hanno utilizzato la procedura di consulenza per garantire che le auto elettriche fossero escluse dalla legge sul pompaggio, il che significa che il mercato delle auto elettriche è stato soffocato nella sua infanzia durante il 2005-2010.

Ciò che sulla carta appare come grandi idee come l’imprenditorialità e il potere innovativo ottengono una direzione, spesso diventa in pratica una forma di supporto industriale convincente. Formule ambigue sulla cooperazione e sulle significative risorse pubbliche risparmiate attraverso azioni di attuazione tendono a avvantaggiare le grandi aziende esistenti e a consolidare le strutture esistenti piuttosto che contribuire al cambiamento sistemico.

Alla ricerca di innovazione e rinnovamento È chiaro che sono l’imprenditorialità e la concorrenza internazionale a consentire il cambiamento del sistema e non il sostegno alle grandi aziende target.

Nonostante i fallimenti passati e la mancanza di supporto scientifico, la rinascita della politica industriale è avvenuta senza alcun dibattito critico. Gli investimenti pubblici ei progetti di innovazione devono essere preceduti da un’indagine approfondita e da una valutazione d’impatto in conformità con le buone pratiche svedesi. I contributi allo scetticismo dello Stato imprenditoriale mostrano che oggi non è così.

ampia politica industriale Storicamente ha portato al congelamento delle strutture economiche, non allo sviluppo ambientale o economico. Non è compatibile con i principi della concorrenza libera e leale e deve essere considerata una forma di nuova assistenza industriale dissimulata.

READ  Qantas conferma che è la traiettoria di volo più lunga del mondo

Al fine di evitare ulteriori bolle di gonfiaggio con l’aiuto di grandi “missioni”, sono essenziali conoscenze basate sulla ricerca e valutazioni indipendenti degli investimenti pubblici. È probabile che il modo più economico e migliore per realizzare l’innovazione faciliti la capacità dei nuovi imprenditori di sfidare le strutture esistenti e di diventare veri agenti di cambiamento.