TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Asahara: La Supercoppa Juventus più importante di sempre?

Per la Juventus in passato, i trofei erano un appuntamento normale, quotidiano.

Per la Juventus oggi è piuttosto un bene di lusso su cui non si può contare.

Con l’Inter che diventa lo standard del campionato, la finale di Supercoppa di stasera potrebbe essere la più importante di tutte per un’anziana torinese.

L’ho già detto e lo ripeto finché è pertinente.

Irriconoscibile Juve Non è stato possibile identificarli per un po’.

In fondo, stiamo parlando della squadra che per un decennio ha schiacciato tutte le avversarie a livello nazionale. Chi avrebbe sempre potuto trovare conforto dopo le delusioni in Champions League sapendo di avere lo scudetto in attesa in tarda primavera.

Come sempre, sono rimasti lì come campioni di campionato alla fine, non importa quanto abbiano oscillato a intermittenza durante l’inizio della stagione.

Poi si rese conto della dura realtà. La verità che coinvolgeva una squadra stagnante in termini di qualità e accecata dal disperato desiderio in ritardo di perdere la Coppa CL.

Oggi, quando è in palio il primo trofeo della stagione, la Juventus non è una candidata scontata. Non sono affatto preferiti.

Dopotutto, il calcio italiano ha ora un nuovo standard da seguire.

Il divario si è allargato

Essendo stata completamente inarrestabile nella stagione 2020/2021, c’è ancora motivo di preoccuparsi per l’Inter in vista di questa stagione. Antonio Conte è fuori. Romelu Lukaku, apparentemente contro la sua volontà, è fuori. Achraf Hakimi con esso.

Questo è il miglior allenatore, attaccante e terzino destro della serie.

Invece = Hakan Calhanoglu a parametro zero, il veterano portiere del faro Edin Dzeko sulla stessa linea e Simon Inzaghi che ha avuto il tempo di iniziare a mostrare tendenze stagnanti nello staff tecnico della Lazio prima di allora.

READ  Ripresa delle discussioni sul pacchetto di stimolo europeo - sospesa in precedenza a causa di una riunione del Comitato costituzionale | Zuccherato

Contemporaneamente è rientrata l’infortunata Juventus legaMassimiliano Allegri si è assicurato il titolo nello staff tecnico e ha inviato la busta dello stipendio di Cristiano Ronaldo al Manchester nel tentativo di annullare tutte le decisioni sbagliate prese negli ultimi due anni.

In precedenza sembrava un tappeto rosso arrotolato per la Juventus per fare un passo indietro dal trono nazionale.

Invece, il divario si è allargato solo ad ogni round della serie. Hakan Calhanoglu sembra un affare. Edin Dzeko va ancora forte. Simone Inzaghi è l’opposto di ozioso.

Quando mercoledì sera i campioni in carica dell’Inter sono arrivati ​​alla finale di Supercoppa, lo fanno con undici punti e una partita a favore del loro avversario a strisce bianconere, dopo un incrocio brillantemente stabile nella prima metà della stagione. Poi c’è da aggiungere anche che la distanza è stata maggiore durante la caduta: la Juventus era l’opposto della stabilità.

Lo Scudetton potrebbe già dimenticare ‘La Vecchia Signora’, anche se ha ancora in gioco cose vitali

Possibile iceberg a Torino

In questo modo, il 4-3 contro la Roma dell’ultima volta è stata proprio l’ancora di salvezza di cui aveva bisogno la Juventus in crisi. Anche se era costoso a breve e lungo termine. A breve, sotto forma di commento per gli ammoniti Juan Cuadrado e Matisse de Ligt, espulso per la finale di stasera. Rottura a lungo termine del legamento crociato di uno dei pezzi offensivi più importanti della squadra.

Anche se ha rappresentato una nuova e d’oro occasione per un certo Dejan Kulusevsky, non c’è dubbio che l’infortunio di Federico Chiesa sia stato di natura molto triste.

READ  Skånska Dagbladet | Una società di media norvegese è stata colpita da un attacco informatico

Non solo per lo stesso Chisa, ma per le speranze della Juventus di ridare brillantezza al fuoriclasse.

Tuttavia, Chiesaskadan è solo la punta dell’iceberg del Torino – basato su scarsi risultati, gioco d’attacco di saggistica, vincoli finanziari, rischio concreto di perdere un posto in Champions League, futuro incerto di Paulo Dybala e visite in casa degli investigatori della criminalità economica.

La vecchia signora si sentì meglio.

Ma se c’è una cosa che può mettere di buon umore la vecchia signora, sono i trofei.

Supercoppa Juventus 2013

Ogni titolo significa qualcosa

Naturalmente, ci sono più ammaccature appariscenti da sollevare rispetto all’ammaccatura nella supercoppa. Ma per la Juventus, qui e ora, ogni titolo significa molto più di prima.

Perché ad ogni titolo la Juventus ricorda com’era una volta. Per ogni titolo, sono un passo più vicini a diventare ancora una volta i migliori in Italia.

Titoli che prima avrebbero dato per scontati ma che ora potrebbero essere considerati un bene di lusso su cui non potevano contare.

La Supercoppa è stata così importante per la Juventus?

sto esitando.

Guarda la finale di Supercoppa Italiana tra Inter e Juventus in esclusiva su Sportbladet Plus. era la partita qui!

Inserito:

Sportbladet – Allsvenskan

Iscriviti alla newsletter su Allsvenskan: record, rapporti, interviste, recensioni e valutazioni.