TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anders Vangey: il diritto di parlare con i talebani

Anders Vangey: il diritto di parlare con i talebani

Questa è la prima volta che rappresentanti del regime talebano visitano un paese occidentale da quando hanno preso il potere lo scorso autunno. Ci sono opinioni divergenti su come trattare chi è al potere a Kabul e il ministro degli Esteri norvegese Anneken Heitfeldt sottolinea che non si tratta di legittimare o riconoscere i talebani.

Anders Fänge ha lavorato con l’Afghanistan negli ultimi 40 anni, all’interno del Comitato svedese per l’Afghanistan e delle Nazioni Unite. Ha vissuto in campagna per circa vent’anni. Anders Vangi non è stato sorpreso dalla notizia che i rappresentanti talebani stanno andando a Oslo.

È tradizione per i norvegesi cercare di agire come mediatori di pace e di essere una grande potenza umanitaria. Data la crisi umanitaria ed economica in Afghanistan, non sorprende che i norvegesi facciano appello a loro. Allora è probabile che dia una certa maggiore legittimità ai talebani.

Il ministro degli Esteri talebano Amir Khan Muttaki.

Foto: Sergey Boblev/TASS/CIPA USA

È questa la strada giusta da percorrere?

– Penso che dovresti iniziare a parlare con i talebani. È un dato di fatto che sono al potere in Afghanistan e nessuno li minaccia, sia all’estero che in patria. Se nient’altro è per il benessere del popolo afgano, dovrebbe essere fatto. L’ONU sta già parlando con loro quotidianamente. Il CICR e il Comitato svedese per l’Afghanistan intrattengono rapporti di lavoro con i talebani, pur facendo attenzione a non appoggiare in alcun modo il regime. Ma la porta non può essere chiusa per loro, non puoi semplicemente essere lì e fare il lavoro quando ci sono milioni di persone minacciate di fame.

A cosa potrebbero portare i colloqui in Norvegia?

– Non credo che verrà fuori in modo molto tangibile. Nella migliore delle ipotesi, ci sarà una sorta di dialogo ei talebani faranno impressione e si renderanno conto che Afghanistan 2022 non è la stessa cosa di Afghanistan 1996 e che devono adattarsi. Ci sono divergenze di opinione all’interno dei talebani su quanto uno dovrebbe essere tenero o duro, e la loro priorità rimane mantenere l’unità all’interno del movimento, dice Anders Fange.

L’Unione europea ha in precedenza avanzato una serie di richieste ai talebani, come democrazia, governo allargato, rispetto dei diritti umani e bando delle organizzazioni terroristiche sul suo territorio. I talebani ritengono di soddisfare queste condizioni.

– Non voglio scusarmi con nessuno dei regimi, Ma continua a chiedermi qual è la differenza tra il governo saudita e quello afgano in termini di opinioni su diritti umani, democrazia e diritti delle donne. Ci sarebbe senza dubbio un po’ di ipocrisia quando i paesi sono così preoccupati per le buone relazioni con l’Arabia Saudita, mentre il regime talebano viene completamente boicottato.

Anders Fänge pensa che sia una cattiva idea venire a dire ai talebani cosa fare.

– Poi ci sarà uno stop incrociato. Invece, dovresti incontrarli su un piano di parità e discutere e porre domande su come intendono risolvere i problemi, afferma Anders Fänge.

Fa un esempio da una conversazione negli anni ’90 con i leader talebani sull’impedire alle ragazze di andare a scuola e sulla necessità di dottoresse. La conclusione è stata che non ci sono dottori dal cielo, le donne devono avere una lunga educazione per diventare dottoresse.

Secondo Anders Fangi, il mondo esterno dovrebbe Tieni anche a mente che hanno a che fare con persone molto orgogliose in questo momento.

Costrinsero la superpotenza americana a ritirarsi. Nessuno ci è riuscito dalla guerra del Vietnam, e poi venire a predicare a loro non funziona.

Anche le condizioni ora sono diverse rispetto al 1996.

– Nel 1996 i mullah sono arrivati ​​direttamente dalle campagne e hanno preso il potere. Ora la leadership era nelle principali città pakistane ea Doha ed è stata supportata e immersa in conferenze internazionali. Hanno certamente incontrato altri scrittori che hanno una visione più moderata dell’Islam. Sarebbe piuttosto strano se non gli piacessero queste conversazioni.

Anders Fänge vede differenze positive quando si tratta di educare le ragazze e le donne che possono indossare il velo invece del burqa. Inoltre, le amministrazioni regionali sembrano avere più margine di manovra rispetto a prima e non sempre aderiscono a quanto afferma il governo centrale. La Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio non frusta più le persone nelle moschee.

In precedenza, gli aiuti ammontavano a circa il 40 per cento del prodotto interno lordo dell’Afghanistan. Da quando i talebani hanno preso il potere, l’equivalente di 80 miliardi di corone svedesi in aiuti allo sviluppo è stato ritirato. I paesi occidentali hanno congelato decine di miliardi di fondi e beni di aiuto. Anders Fänge descrive la situazione umanitaria come catastrofica, con milioni di bambini che minacciano di morire di fame.

L’Afghanistan sta attualmente vivendo la peggiore siccità degli ultimi decenni, con il 40% del raccolto di grano perso. Oltre al raccolto, l’Afghanistan importava tre milioni di tonnellate di grano all’anno, ma non c’erano più soldi per questo.

Le Nazioni Unite e gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro le figure di spicco del nuovo governo. Uno dei risultati delle azioni statunitensi è stato, soprattutto, che le banche internazionali si rifiutano di portare denaro in Afghanistan.

Hanno paura della punizione perché hanno violato le sanzioni. L’intero sistema finanziario in Afghanistan sta crollando. Ciò significa che le attività commerciali come l’importazione e l’esportazione vengono lentamente soffocate. Questa è forse la più grande minaccia a lungo termine che potrebbe prolungare la crisi umanitaria con disoccupazione e conseguenze sociali. C’è una percezione diffusa tra gli afgani che gli Stati Uniti abbiano perso la guerra ma si stiano reagendo nella sfera economica, dice Anders Fange.

Il problema è che questa vendetta non colpisce i talebani, ma colpisce la popolazione civile. Probabilmente il più grande ostacolo all’istruzione delle ragazze oggi non sono i talebani, ma il regime sanzionatorio statunitense che impedisce al denaro di entrare nel paese.

Aeroporto di Gardermoen sabato sera

Aeroporto di Gardermoen sabato sera

Foto: Terje Bendiksby / NTB

I colloqui proseguiranno in Norvegia per diversi giorni. Alla conferenza parteciperanno, oltre alla Norvegia, rappresentanti degli Stati Uniti d’America, dell’Unione Europea, del Regno Unito, della Francia, della Germania e dell’Italia. La Svezia non è invitata, secondo il Ministero degli Affari Esteri. Si terranno anche incontri con i rappresentanti della società civile in Afghanistan, comprese le donne leader e giornaliste.

Per saperne di più:
L’ambasciatore ha detto che il personale locale è partito a Kabul: “Mi sono sentito un po’ tradito”.

La rete segreta delle donne istruite rifiuta di arrendersi

READ  Cadillac Lyric Crossover - Comfort e Lusso