TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anders Tegnell sullo scoppio dell'infezione da corona

Anders Tegnell sullo scoppio dell’infezione da corona

La variante del virus omikron ha preso piede in Svezia in breve tempo e la scorsa settimana i tassi di infezione hanno raggiunto livelli mai visti prima. A Västra Götaland, ad esempio, sono stati rilevati 27.044 nuovi casi di COVID-19, con un aumento del 243% rispetto alla settimana precedente.

A causa dello sviluppo, di recente sono state introdotte nuove restrizioni nel paese. Allo stesso tempo, il numero di persone gravemente malate che necessitano di cure intensive non è ancora aumentato, nonostante diverse settimane di aumento della diffusione dell’infezione, che ha acceso il dibattito sulla gravità del caso covid-19.

Ora ci troviamo in una situazione in cui la diffusione dell’infezione sta aumentando molto rapidamente. Uno scenario che è esattamente quello che abbiamo visto in molti altri paesi in Europa, ma è arrivato in Svezia relativamente tardi, afferma l’epidemiologo statale Anders Tegnell alla conferenza stampa di giovedì con l’Agenzia svedese per la salute pubblica e il Consiglio nazionale svedese per la salute, il benessere e le emergenze civili . . Agenzia e Agenzia dei prodotti medicinali.

È un onere complicato non solo a causa del COVID-19

Gli scenari presentati dall’Agenzia di Sanità Pubblica durante la conferenza stampa suggeriscono che l’aumento probabilmente continuerà ancora per un po’ prima di raggiungere il picco.

Ciò significa che già ora – anche in considerazione dei fine settimana – abbiamo un pesante fardello sull’assistenza sanitaria. Anders Tegnell afferma che è un onere complesso non solo dovuto al COVID-19 e riprende la notizia di ieri che l’intervallo di vaccinazione tra la seconda e la terza dose è stato ridotto a cinque mesi e che sono state introdotte nuove restrizioni.

La cosa più importante è che ci vacciniamo e restiamo a casa quando abbiamo i sintomi.

Omikron significa una rapida diffusione dell’infezione in quasi tutte le parti del mondo.

– Viaggia da un paese all’altro e batte record da un paese all’altro. Tegnell afferma che l’Europa è ancora una volta in prima linea in questo sviluppo con l’infezione che si sta diffondendo molto rapidamente in questo momento.

Il numero di casi è aumentato notevolmente in Svezia.

Il numero di casi al giorno è più grande che mai. Di quelli che abbiamo trovato ora, parecchi sono stati anche vaccinati. Questo non significa che il vaccino sia in alcun modo inefficace, ma contro il ricovero e le malattie gravi il vaccino ha ancora un ruolo importante nel complesso.

Anche un aumento abbastanza moderato dell’IVA significa anche stress in una situazione già stressata

La quarta ondata dovrebbe raggiungere il picco alla fine di gennaio, secondo i nuovi scenari dell’Agenzia di sanità pubblica.

READ  Economista: Questo è il motivo per cui le grandi banche hanno il vento favorevole in questo momento

Anders Tegnell dice della modalità iva:

Stiamo assistendo a un certo aumento del numero dei ricoveri, ma per nulla proporzionale alla velocità dell’aumento della diffusione del contagio. Ciò suggerisce che non abbiamo un rischio significativo nell’assistenza con la diffusione dell’infezione che abbiamo ora, ma nonostante ciò, vediamo un onere significativo. Anche un aumento abbastanza moderato dell’IVA significa anche sforzo in una situazione già stressata.

Il grafico mostra che il rischio di contrarre l’IVA perché non sei vaccinato è molto più alto che se avessi il vaccino.

Il numero dei decessi rimane abbastanza stabile. È sempre un ritardo, dice Tegnell, ma ancora una volta la vaccinazione sembra proteggerci dall’ottenere tassi di mortalità molto alti come nelle ondate precedenti.

Anche alcune persone che sono state vaccinate ne sono colpite, in parte il vaccino non è efficace al cento per cento, e in parte molti di quelli che muoiono sono anziani e fragili, e quindi a volte nemmeno il vaccino può salvarli.

Un’ampia percentuale di anziani ha ricevuto la terza dose

Le vaccinazioni continuano con la terza dose, poiché la percentuale di persone di età superiore ai 70 anni inizia a raggiungere “livelli elevati” con una terza dose.

– Continua così e stiamo iniziando a vedere persone sulla cinquantina e sulla quarantina che iniziano a ricevere una terza dose. Più persone hanno il tempo di ricevere la terza dose, meno stress hanno sull’assistenza. Ci sarà una minore diffusione dell’infezione e speriamo di evitare le restrizioni e le raccomandazioni che implementiamo più velocemente che altrimenti.

La scorsa settimana, i bambini di età compresa tra 50 e 59 anni hanno ricevuto il maggior numero di dosi di vaccino, con quasi 90.000 che hanno ricevuto tre dosi.

Gli scenari mostrano che purtroppo la diffusione del contagio continuerà ad aumentare per alcune settimane

Dopo due dosi, il vaccino non è stato efficace contro l’infezione quando l’omicron si è diffuso, afferma Anders Tegnell, sebbene tre dosi proteggano meglio. Nuovi scenari includono, tra l’altro, le conoscenze acquisite in breve tempo.

Gli studi parlano un linguaggio abbastanza inequivocabile, il che ci ha reso più facile lo sviluppo di scenari rispetto a un mese fa, che abbiamo già detto erano basati su dati non confermati. Gli scenari mostrano che la prevalenza dell’infezione purtroppo continuerà ad aumentare per alcune settimane. Con il picco che raggiunge la fine di gennaio a volte.

READ  Järfälla - Un luogo per lo sviluppo sostenibile

Gli scenari questa volta sono solo due. Nel primo, il picco è di 47.000 casi al giorno.

Lo scenario segue lo sviluppo che stiamo attualmente vedendo e si basa su un effetto abbastanza elevato, il 70 percento, della terza dose contro gli omicron, afferma Anders Tegnell.

Se fossimo più pessimisti e scendessimo a un effetto protettivo del 35%, avremmo uno scenario con circa 70.000 casi al giorno, con un picco più o meno nello stesso periodo.

Aggiunge che il gran numero di casi significa ancora che il servizio sanitario si occuperà di molti casi.

– Lo stiamo ancora esaminando, perché non ci sono dati chiari come quanto siano cambiati i rischi, dice Tegnell, dicendo che meno persone sono ricoverate in ospedale per persona infetta, ma si prevede che l’infezione aumenterà.

L’intervallo tra la seconda e la terza dose è stato quindi ridotto a cinque mesi per tutti gli adulti, che è quello che assume Tegnell.

Il requisito del test viene annullato all’ingresso in Svezia

Allo stesso tempo, è stata rimossa la raccomandazione di sottoporsi al test per asintomatici al momento del ricovero.

Era in gran parte mirato a cercare di ritardare l’acquisizione di omikron in Svezia. È difficile sapere quanto influisca, ma in ogni caso Omicron ora è abbastanza dominante e l’afferente in arrivo non influisce su questo sviluppo, afferma Anders Tegnell.

Secondo le ultime informazioni, sono 1.178 le persone assistite per covid-19 in regime di ricovero, IVA esclusa. Ad Eva vengono assistite 94 persone contagiate dal COVID-19.

L’infezione è più comune nelle persone di età superiore ai 70 anni in alloggi privati ​​o assistenza domiciliare.

– Notiamo un forte aumento della diffusione dell’infezione tra le persone che ricevono assistenza domiciliare, e questo è ovviamente un problema. In questo caso, è molto importante seguire da vicino gli sviluppi”, afferma Matthias Fredrickson, direttore dell’unità presso il National Board of Health and Welfare.

Un’area è attualmente in modalità boost, 11 in modalità rigo e nove in modalità normale.

Ciò che è chiaro è che una netta maggioranza di regioni vede uno sviluppo negativo in futuro a breve e lungo termine, afferma Matthias Fredriksson.

Con la crescente diffusione dell’infezione, arriva il congedo per malattia

L’epidemia continua ad avere un chiaro impatto sull’assistenza sanitaria. Sottolinea che, tra l’altro, il forte aumento degli infortuni in ambito sanitario e comunale.

READ  Deus raccoglierà fino a 800 milioni di corone svedesi

– Con la crescente diffusione del contagio, arriva anche il congedo per malattia, che ovviamente incide sulle condizioni per poter soddisfare i bisogni di cura e infermieristica in modo sicuro per il paziente. Sappiamo anche che l’assistenza è influenzata dall’accettazione di un paziente che non riceve cure covid-19 ma ha covid-19. Questa persona, ad esempio, potrebbe aver bisogno della propria stanza e il personale non può spostarsi tra questo paziente e un altro”, afferma Matthias Fredrickson.

Ci sono anche indicazioni che COVID-19 possa esacerbare altre condizioni, compresi i pazienti con infarto del miocardio. Inoltre, c’è un’assistenza differita che non può più essere ritardata.

– Matthias Fredrickson afferma che i margini per quella che chiamiamo preparazione alle crisi sono più bassi del solito e ci sono meno margini per affrontare un incidente o un evento grave del solito.

Pertanto, secondo l’Agenzia dei medicinali, è necessaria una terza dose

Charlotte Bergquist, ora coordinatrice dei vaccini della Medicinal Products Agency, ha riferito alla conferenza stampa sull’effetto protettivo dei vaccini contro le varianti virali.

Sappiamo che i vaccini proteggono da malattie gravi e ricoveri anche in caso di infezione da omcron, dice e indica una revisione cognitiva dell’EMA.

Ma una terza dose è necessaria per mantenere una buona protezione contro malattie gravi.

Potrebbero arrivare vaccini aggiornati, anche contro Omicron.

Al momento non ci sono vaccini varianti approvati e non c’è una chiara necessità di un tale vaccino al momento come lo vediamo. I vaccini proteggono da malattie gravi, ospedalizzazione e morte anche per gli omicron. Quindi ciò che chiediamo per tali vaccini è qualcosa di cui le autorità di regolamentazione di tutto il mondo parlano molto in questo momento.

In molte attività della comunità, ora è una situazione davvero tesa

Svante Werger, consigliere speciale di MSB, ha infine parlato di attività socialmente significative. Piccolo congedo per malattia.

Può influenzare attività socialmente importanti.

Oltre alla cura, l’immagine in quanto tale è:

– In molte attività della comunità, è già una situazione tesa a causa della crescente diffusione del contagio. L’attività più importante nella comunità può essere mantenuta finora.