TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anders Tegnell: Covidpass non è qualcosa su cui possiamo contare in questo momento

Anders Tegnell: Covidpass non è qualcosa su cui possiamo contare in questo momento

I nuovi scenari presentati giovedì dall’Agenzia svedese per la sanità pubblica si basano su un forte aumento della diffusione dell’infezione nelle prossime settimane, con un picco a fine gennaio. Lunedì, il governo ha imposto, tra le altre cose, restrizioni più severe ai ristoranti. Ci deve essere almeno un metro tra le diverse feste e ristoranti e bar devono chiudere entro e non oltre le 23:00.

Molti ristoratori avrebbero preferito i permessi Covid, ma secondo l’Agenzia svedese per la sanità pubblica, la misura è inadeguata con l’attuale diffusione del contagio.

Hai rinunciato completamente all’idea di un Covid Pass nei ristoranti e nelle palestre?

Potrebbe diventare rilevante a lungo termine, a seconda di come si sviluppa la diffusione dell’infezione, afferma Anders Tegnell.

Negli ultimi giorni, ci sono state critiche sul fatto che le attuali restrizioni non sono commisurate ai sintomi relativamente lievi che molte persone sperimentano dalla variante omicron. Più persone si ammalano, ma meno necessitano di cure ospedaliere. Secondo Anders Tegnell, il COVID-19 rimane una grave malattia sociale e non è il momento di abbassare il livello di COVID-19.

Siamo vicini a una situazione del genere?

Non a causa della rapida diffusione dell’infezione e della preoccupazione tra le autorità che altre funzioni della società ne risentiranno. Quando superiamo questa gobba, dobbiamo fare una nuova analisi se possiamo classificare questa malattia in un modo diverso.

Quando l’Istituto nazionale norvegese per la salute pubblica mercoledì ha presentato nuovi scenari per i prossimi mesi L’autorità ha scritto che la variabile omcron non può essere interrotta con restrizioni. Quando così tanti vengono vaccinati, le misure drastiche nel tempo non hanno senso.

READ  North Scania | Non c'è un inizio amaro per Campari quest'anno

Condividete l’opinione che Omicron sia inarrestabile?

– Sì, è un’opinione che avevamo già tempo fa. È bello avere un certo livello di moderazione che non fa troppo male. Spinge verso il basso in modo che le cure non raggiungano un gran numero di pazienti contemporaneamente. Ma impedire a gran parte della popolazione non vaccinata di contrarre l’omicron sembra difficile o impossibile, d’accordo con i norvegesi, afferma Anders Tegnell.

Lo ha annunciato giovedì sera il governo norvegese Regole di quarantena allentate. L’isolamento può essere sostituito da test, in modo che le persone asintomatiche non vengano tenute a casa inutilmente. Lo stesso giorno, è stato annunciato che il Regno Unito avrebbe ridotto il numero di giorni di quarantena da sette a cinque.

In Svezia si applicano sette giorni di test PCR positivo, ma secondo Anders Tegnell le regole dovrebbero essere aggiornate nei prossimi giorni.

“Attualmente stiamo lavorando su questo problema per vedere come si possono cambiare le regole per continuare a essere il più sicuri possibile, ma non c’è una così grande carenza di manodopera nella comunità da poter causare danni”, dice.

– Alcune aziende potrebbero dover trovare soluzioni speciali con test o limitare in qualche modo il tempo. Può anche darsi che tu vada più chiaramente al quadro dei sintomi, vedremo dove arriveremo.

Omikron è completamente dominante in Svezia. I sintomi lievi sono comuni, ma c’è la percezione che più persone non abbiano alcun sintomo?

– Questo è un problema con cui abbiamo lottato durante la pandemia. Abbiamo fatto molto nella comunità con persone che non si sentivano malate, ma quando le ho intervistate da vicino, la maggior parte di loro ha sviluppato sintomi. Anders Tegnell afferma che nei rapporti fino ad ora sull’omicron, ci sono segni che ci siano più persone che hanno sintomi molto lievi o quasi assenti rispetto alla variante delta.

READ  Swedbank perde un mutuo: le azioni sono in calo

nuovi scenari Si basa sul fatto che la protezione contro l’omicron è del 70% o del 35% dopo tre dosi, qualcosa che FHM ha escogitato dopo aver esaminato i dati degli studi in Danimarca.

Se la protezione è del 70 percento, il numero di nuovi casi è stimato a 47.000 al giorno durante il picco dell’infezione, in quello che FHM chiama scenario 0.

La seconda stima, lo scenario 1, è più pessimista e presuppone che la terza dose di Omicron fornisca una protezione del 35%. Il numero di nuovi casi Quindi si stima che siano circa 69.000 al giorno Al di sotto del picco di diffusione dell’infezione.

Cosa ti preoccupa di più nelle prossime settimane con l’aumento della diffusione dell’infezione?

Anders Tegnell dice che tale cura non dovrebbe essere in grado di farcela.