TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Agli elettori dell’Alaska manca Palin e quindi anche Trump

Sarah Palin combatterà contro Biden e assicurerà la produzione di energia negli Stati Uniti. Lo ha chiarito quando l’abbiamo incontrata a una manifestazione elettorale ad Anchorage. Al suo fianco, aveva l’ex responsabile della campagna di Donald Trump. Aveva il sostegno dell’ex presidente nella lotta per l’unico seggio alla Camera scarsamente popolato dell’Alaska. Trump l’ha convinta a candidarsi quando il deputato di lunga data Don Young è morto durante un viaggio in aereo la scorsa primavera.

Sarah Palin avrebbe dovuto ottenere una vittoria facile: un noto repubblicano in uno stato profondamente conservatore come l’Alaska.

Ma la scelta dell’imballaggio Prima del Congresso di agosto, ha perso clamorosamente contro la democratica Mary Beltula. Quando ieri sera negli Stati Uniti è stato mostrato il conteggio finale delle elezioni regolari, due settimane dopo il giorno delle elezioni, era chiaro che Beltula aveva ottenuto una netta vittoria su Palin con numeri dal 54,9% al 45,1%.

Lo striscione caduto nella città natale di Palin Wasilla.

Foto: Beatrice Lüneburg

Perché è successo così?

Una risposta è che gli elettori dell’Alaska, come quelli della Pennsylvania e dell’Arizona, ne hanno abbastanza di Donald Trump e dei suoi candidati radicali. Nella lotta per il seggio al Senato, la critica repubblicana di Trump Lisa Murkowski vince chiaramente sulla candidata di Trump Kelly Chebaka.

L’esito di queste elezioni ironizza sul destino di Sarah Palin. Ha sconfitto il padre di Murkowski nelle elezioni governative dell’Alaska sedici anni fa. A quel tempo, Palin era conosciuto come un audace politico che osava sfidare agenti di partito e giganti del petrolio. Non ha esitato a collaborare con i Democratici.

come candidato alla vicepresidenza Per John McCain nell’autunno del 2008, ho avuto un’immagine diversa. È stata Palin a creare gli attacchi più oltraggiosi al suo avversario, Barack Obama. Dopo aver perso le elezioni, è diventata una voce di spicco nel movimento conservatore del Tea Party. È diventata la prima repubblicana dei pesi massimi a sostenere la candidatura di Donald Trump.

Da qualche parte lungo la strada, ho perso il contatto terreno con i residenti a casa. Diventa un personaggio televisivo e un B-lister che può apparire come Pink Bear in Masked Singer. “Non sembra più l’Alaska”, ci ha spiegato a ottobre un ex vicino.

Palin a un caucus ad Anchorage in ottobre.

Foto: Beatrice Lundborg

Probabilmente anche il nuovo sistema elettorale dell’Alaska ha svolto un ruolo importante nelle elezioni di medio termine. La maggioranza assoluta di tutti gli stati degli Stati Uniti ha permesso ai partiti di lavare i propri candidati durante le primarie. Poi sono favorite le persone chiaramente ideologiche – diciamo estremiste in alcuni casi. In Alaska, invece, gli elettori possono classificare i candidati nelle schede elettorali. Quando nessuno raggiunge il 50 per cento, viene presa in considerazione la seconda scelta degli elettori. Questo processo può chiaramente favorire i candidati intermedi.

Sarah Palin odia Ovviamente le nuove regole. Ma non riesce a odiare il suo principale avversario.

La democratica Mary Beltula, la prima donna al Congresso con credenziali native dell’Alaska, ha condotto con successo una campagna per sostenere l’industria della pesca e proteggere i diritti all’aborto. È ormai famosa e apprezzata. Ha ricevuto molto sostegno dai Democratici di tutti gli Stati Uniti da quando è diventato chiaro che ha la possibilità di assicurarsi un seggio al Congresso.

Ma è anche una vecchia amica di Sarah Palin. L’amicizia ha avuto un ruolo durante la campagna elettorale, quando entrambe le donne hanno evitato attacchi personali l’una all’altra.

Palin ha dichiarato al caucus di Anchorage che Beltula è “fantastico”.

Per saperne di più: Sarah Palin: eravamo più al sicuro con Trump

READ  Terrorismo in Ucraina per il piano di Putin - deriso in un nuovo film