TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

60 lavoratori del super edificio di Facebook a Luleå senza paga

L’anno scorso Facebook ha realizzato profitti per centinaia di miliardi di corone.

Ma nel cantiere del gigante di Internet a Lulea, circa 60 lavoratori ospiti sono stati costretti a lavorare gratuitamente.

– Mia madre ha il cancro a casa in Romania e dipende completamente dal mio reddito. Siamo stati ingannati, dice Emmanuel Smarada, 40 anni.

Tutto inizia con un messaggio – tramite Facebook.

È un elettricista rumeno e racconta come, come dozzine di altri lavoratori ospiti, sia stato attratto a Luleå nella primavera del 2021 per lavorare alla costruzione principale della terza sala del server Meta di Facebook della città.

Il datore di lavoro era Scan Facility Service, una società di personale che ha assunto il subappaltatore Mercury, che è stato assunto dalla società di costruzioni irlandese Sisk, che a sua volta è l’appaltatore di Facebook. Nel primo anno, gli stipendi venivano generalmente pagati in tempo. Ma quest’estate, mentre il progetto volgeva al termine, i soldi si sono fermati.

– Siamo almeno 60 persone provenienti da Romania e Polonia che non sono state pagate. Per me, ha perso SEK 69.000. L’elettricista dice, dovresti scrivere di questo.

È disperato, ma non vuole che stampiamo il suo nome. Paura che il marchio europeo stia entrando in recessione, con minori opportunità di lavoro.

La sala server dove lavorano i lavoratori ospiti è la terza di Facebook a Lulea.
La sala server dove lavorano i lavoratori ospiti è la terza di Facebook a Lulea.

“sentirsi sicuro”

Presto chiama un secondo elettricista. E un terzo.

Quest’ultimo si chiama Emmanuel Smarada, ha 40 anni e immagina di parlare senza mezzi termini.

Non ho esitato ad accettare il lavoro. Mi sentivo al sicuro perché il cliente era Facebook. E mi sono divertito a Lulea, ho amato la pace.

Parla velocemente su WhatsApp. Dovresti recuperare tutta la storia durante la tua breve pausa pranzo nel nuovo edificio di Milano.

Il 10 luglio avrebbe dovuto ricevere cinque settimane di paga e un’indennità di ferie. Ma i soldi non sono mai apparsi. L’azienda danese ha avuto problemi finanziari.

Emmanuel Smarada, che ha perso 49.800 SEK, era sconvolto. Lui e un gruppo di suoi colleghi hanno organizzato un piccolo sciopero.

“è stato ingannato”

Secondo Smarada, sia Facebook che l’appaltatore principale Sisk hanno promesso di organizzare i pagamenti al posto della società danese. I lavoratori sono tornati nei loro paesi di origine. Poi ci fu silenzio.

– Volevano solo che ci allontanassimo da Lulia. E quando non eravamo più in Svezia, ci hanno completamente ignorato. Siamo stati ingannati.

Sala relax nell'aula informatica di Lulea.
Sala relax nell’aula informatica di Lulea.

Facebook è una delle aziende più redditizie al mondo e lo scorso anno ha realizzato profitti per centinaia di miliardi di corone.

Emmanuel Smarada afferma che molti lavoratori ora hanno problemi a provvedere alle loro famiglie, pagare gli interessi e pagare le loro case. Tornato a casa in Romania, sua madre è malata di cancro al seno e dipende totalmente dal suo reddito.

– Sebbene fossimo assunti da una società di reclutamento, abbiamo lavorato con Facebook. Ma a loro non importa di noi, vogliono solo fare soldi.

Ho cercato Mark Zuckerberg

I lavoratori nel settore edile erano coperti da un contratto collettivo svedese. Si sono rivolti al sindacato degli elettricisti e all’IF Metall, che non potevano rappresentarli perché non erano membri del sindacato. Hanno anche contattato l’ambasciata rumena.

READ  Venture capitalist: "Gli investitori sono più abituati a investire negli uomini"

Ci hanno esortato ad assumere un avvocato. Ma costa 3.000 corone svedesi l’ora e non possiamo permettercelo.

Proprietario di Meta e fondatore di Facebook Mark Zuckerberg.
Proprietario di Meta e fondatore di Facebook Mark Zuckerberg.

Invece, hanno segnalato la compagnia danese a Kronofogden. E ho inviato un’e-mail a tutti i responsabili, dal capo del cacciatore di teste danese al proprietario di Meta Mark Zuckerberg.

senza ottenere alcuna risposta.

Aftonbladet ha parlato con il difensore civico dell’associazione elettrica. Afferma che un totale di due milioni di stipendi non sono stati pagati e che, in base al contratto di costruzione, l’appaltatore principale è responsabile della risoluzione della situazione. Il Mediatore non vuole essere citato per nome.

Il suo capo promette che il chiamante dell’Associazione elettrica chiamerà, cosa che non accade mai.

I telefoni sono spenti

E Martin Merstrand, Project Manager presso Scan Facility Service, ha promesso in un’intervista a P4 Norbutina, che in precedenza aveva richiamato l’attenzione sulla vicenda, ha dichiarato che presto i lavoratori sarebbero stati pagati. Era l’inizio di settembre.

– Adesso sto guidando, ma chiamo presto, dice adesso.

Lui no. E quando Aftonbladet lo cerca di nuovo, il telefono si spegne.

Una delle sale server Meta a Luleå.
Una delle sale server Meta a Luleå.

Nuova costruzione

Anche Facebook, che ha costruito il suo modello di business sulla connessione umana, si sta rivelando difficile da raggiungere. Aftonbladet sta inviando un’e-mail all’ufficio stampa internazionale di Meta e sta cercando un project manager svedese per l’azienda. Invece, veniamo contattati dall’agenzia di pubbliche relazioni Gullers, che afferma di rappresentare il gigante di Internet e che ci chiede di inviare le nostre domande via e-mail.

READ  SVT è pronta per organizzare l'Eurovision Song Contest 2023

La risposta a metà ottobre è stata “Sfortunatamente, Mita non ha l’opportunità di commentare questo”.

Quando li cerchiamo di nuovo un mese dopo, non tornano affatto.

Un rappresentante della società di costruzioni Sisk ha scritto in una e-mail ad Aftonbladet che il motivo del ritardo erano i problemi finanziari della società danese. Afferma che il subappaltatore addebiterà invece i lavoratori, ma afferma che il processo legale è complesso.

“peggio per gli altri”

“Ricordiamo che la Scan Facility è già stata pagata per il suo lavoro a Lulea. I lavoratori riceveranno i salari loro dovuti dalla Scan Facility attraverso questa seconda società, non appena questo processo sarà completato. Speriamo che questo sia pronto in poche settimane.”

Emanuel Smarada ci dice che se la cava decentemente, grazie alla ricerca di un nuovo lavoro in Italia..

Per molti degli altri che sono stati a Lulea è molto peggio, conclude prima di dover tornare al lavoro.